La Cina pone fine al lavoro forzato per le prostitute

Fth

Roma, 28 dic. (askanews) - La Cina sta per porre fine a un sistema di punizione per la prostituzione che ha permesso alla polizia di tenere in custodia i lavoratori del sesso e i loro clienti per un massimo di due anni nei cosiddetti centri di istruzione dove i detenuti vengono costretti a lavorare, presumibilmente facendo giocattoli e articoli per la casa.

Il sistema di detenzione terminerà il 29 dicembre. Quelli ancora in custodia saranno rilasciati, come riporta oggi l'agenzia di stampa ufficiale Xinhua.(Segue)