Il missile ipersonico cinese che ha preso di sorpresa l'intelligence Usa

·1 minuto per la lettura

AGI - La Cina ha testato una nuova capacità spaziale con un missile ipersonico. Lo riporta il Financial Times.

Il report, citando più fonti che hanno familiarità con il test, rivela che Pechino ad agosto ha lanciato un missile con capacità nucleare che ha girato intorno alla Terra in orbita bassa prima di scendere verso il suo obiettivo, mancato di oltre 20 miglia (32 chilometri), secondo tre delle fonti.

Le fonti dell'Ft hanno anche affermato che il veicolo ipersonico è stato trasportato da un razzo Long March, i cui lanci vengono solitamente annunciati, anche se il test di agosto è stato tenuto nascosto.

I missili ipersonici sono molto più veloci dei missili balistici o da crociera convenzionali e anche molto più difficili da intercettare dai sistemi di difesa. 

Nell'articolo del Ft si sottolinea che i progressi della Cina sulle armi ipersoniche "hanno sorpreso l'intelligence statunitense".

Il portavoce del Pentagono John Kirby ha detto che non avrebbe commentato ma ha aggiunto: "Abbiamo chiarito le nostre preoccupazioni sulle capacità militari che la Cina continua a perseguire, capacità che aumentano solo le tensioni nella regione e oltre. Questo è uno dei motivi per cui riteniamo che la Cina sia la nostra sfida numero uno".

Insieme alla Cina, gli Stati Uniti, la Russia e almeno altri cinque paesi stanno lavorando sulla tecnologia ipersonica. I missili ipersonici, come i missili balistici tradizionali che possono consegnare armi nucleari, possono volare a più di cinque volte la velocità del suono.

Ma i missili balistici volano in alto nello spazio creando un arco per raggiungere il loro obiettivo, mentre un ipersonico vola su una traiettoria bassa nell'atmosfera, raggiungendo potenzialmente un obiettivo più rapidamente.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli