La Cittadella regionale calabrese porterà il nome di Jole Santelli

Rosario Stanizzi
·3 minuto per la lettura

AGI - E' l'intitolazione del palazzo della Regione al presidente scomparso Jole Santelli, deceduta all'età di 51 anni, nella notte tra mercoledì e giovedì della scorsa settimana, la prima delibera della Giunta regionale calabrese guidata da Nino Spirlì, presidente facente funzioni. Nelle motivazioni della delibera che intitola la struttura di Germaneto di Catanzaro "Cittadella regionale Jole Santelli" viene ribadito «l'altissimo impegno profuso dal primo presidente donna in favore della Calabria, manifestando con tenacia e determinazione, in ogni sede istituzionale, la sua inequivocabile volontà di promuovere una nuova immagine della propria terra».

    «L'amministrazione regionale - è scritto  - intende onorare e perpetuare la memoria del suo presidente, prima donna presidente della Regione Calabria, che ha sempre amato e onorato la sua terra impegnandosi con tenacia e coraggio nello svolgimento delle sue funzioni sino al momento più estremo della sua esistenza in vita».

    «Il presidente del Consiglio regionale e tutti i consiglieri regionali - continua ancora la delibera approvata dalla Giunta – nel tradurre anche i desiderata della collettività calabrese e i segni di assoluta stima provenienti dalle più alte cariche dello Stato e, in particolare, dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, dal presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte, dai presidenti di Senato e Camera, Elisabetta Casellati e Roberto Fico, dalla Conferenza Stato-Regioni, nonché in considerazione delle espressioni di ammirazione che si sono registrate intorno alla figura del presidente Jole Santelli da tutto il mondo politico, dalle amministrazioni locali, e dalla società civile – hanno approvato una mozione affinché la Regione Calabria dia un segno tangibile, capace di commemorare la figura della presidente Jole Santelli, intitolandole il Palazzo della Cittadella regionale, quale simbolo delle Istituzioni e dell'unità della Calabria».

    La delibera approvata ora sarà inviata al al Consiglio regionale per la relativa presa d'atto. La decisione di trasmettere gli atti all'assemblea legislativa - fanno notare gli assessori - nasce dalla volontà di coinvolgere tutti i gruppi istituzionali presenti.

Spirlì: "Noi saremo sempre la Giunta Santelli"

«In termini burocratici direi un atto dovuto, ma in realtà non è così. È qualcosa di più. Pur essendo una delibera di Giunta, è stata fatta con lucido sentimento", ha detto Spirlì - tutta la giunta sin dai primi istanti di questa tristissima pagina di storia della Calabria, ha deciso di personalizzare su Jole non solo i progetti, non solo i sentimenti, ma proprio questa casa dei calabresi che diventa tale e di Jole che i calabresi li ha amati e li ama».

    «Da questo momento - ha aggiunto -  non c'è solo l'ufficio del presidente, ma ogni stanza, ogni salone, ogni scala, sottoscala o ascensore è Jole Santelli. Abbiamo condiviso questa decisione importante con il presidente del Consiglio regionale e con tutti calabresi e con tutti coloro i quali in questi giorni ci hanno affettuosamente inondato di questa richiesta, ma era già una decisione che avevamo assolutamente fatto nostra dai primi istanti. Certo si sentirà una forte mancanza, perché Jole non è qui con noi, ma non si sentirà la mancanza di quella meravigliosa atmosfera, di quell'aria così libera, così amica, così affettuosa, che Jole ha portato dentro la politica, dentro le istituzioni, nel cuore di tutte le case dei calabresi che l'hanno accolta con un amore immenso nei giorni del passaggio da questa terra. Ma ciò è arrivato anche fuori dalla Calabria».

    «Le istituzioni ai massimi livelli - ha concluiso Spirlì - dal presidente Mattarella, al presidente Conte, ai presidenti di Camera e Senato, ai ministri, senatori e deputati, che sono intervenuti ai funerali in forma privata e in forma pubblica, a tutti i sindaci che l'hanno omaggiata con la loro presenza. È stato un momento incredibile e tanti calabresi che sono venuti a salutarla meritavano che fossero tempi brevi quelli dell'intitolazione di questo palazzo. Finalmente non sarà solo una Cittadella, ma sarà la Cittadella regionale Jole Santelli. In questo tempo che ci sarà consegnato fino alle prossime elezioni noi saremo sempre Giunta Santelli, amministrazione Santelli a tutti i livelli».