La "civile" America prende a frustate i migranti

·1 minuto per la lettura
CIUDAD ACUNA, TEXAS - SEPTEMBER 19: Immigrants, mostly from Haiti gather on the bank of the Rio Grande on September 19, 2021 in Ciudad Acuna, Mexico, across the border from Del Rio, Texas. As U.S. immigration authorities began deporting immigrants back to Haiti from Del Rio, thousands more waited in a camp under an international bridge in Del Rio and others crossed the river back into Mexico. (Photo by John Moore/Getty Images) (Photo: John Moore via Getty Images)
CIUDAD ACUNA, TEXAS - SEPTEMBER 19: Immigrants, mostly from Haiti gather on the bank of the Rio Grande on September 19, 2021 in Ciudad Acuna, Mexico, across the border from Del Rio, Texas. As U.S. immigration authorities began deporting immigrants back to Haiti from Del Rio, thousands more waited in a camp under an international bridge in Del Rio and others crossed the river back into Mexico. (Photo by John Moore/Getty Images) (Photo: John Moore via Getty Images)

Inevitabile che agli occhi salti subito l’immagine dei talebani in Afghanistan quando si vede anche in America l’uso della frusta per mantenere l’ordine. A poche ore dal debutto di Joe Biden all’assemblea generale dell’Onu, i media Usa hanno diffuso immagini che mostrano agenti della polizia di frontiera americana a cavallo mentre usano la frusta contro i migranti che chiedono asilo al confine col Messico, dove è scoppiata una nuova crisi umanitaria per l’arrivo di oltre 10 mila persone.

“Orribile da vedere”, ha commentato la portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki.

CIUDAD ACUNA, MEXICO - SEPTEMBER 20: U.S. Border Patrol agents interact with Haitian immigrants on the bank of the Rio Grande in Del Rio, Texas on September 20, 2021 as seen from Ciudad Acuna, Mexico. As U.S. immigration authorities began deporting immigrants back to Haiti from Del Rio, thousands more waited in a camp under an international bridge in Del Rio while others crossed the river back into Mexico to avoid deportation. (Photo by John Moore/Getty Images) (Photo: John Moore via Getty Images)
CIUDAD ACUNA, MEXICO - SEPTEMBER 20: U.S. Border Patrol agents interact with Haitian immigrants on the bank of the Rio Grande in Del Rio, Texas on September 20, 2021 as seen from Ciudad Acuna, Mexico. As U.S. immigration authorities began deporting immigrants back to Haiti from Del Rio, thousands more waited in a camp under an international bridge in Del Rio while others crossed the river back into Mexico to avoid deportation. (Photo by John Moore/Getty Images) (Photo: John Moore via Getty Images)

“Ho visto alcune delle immagini, non ho il contesto completo ma non riesco a immaginare quale contesto lo renderebbe appropriato”, ha detto. “Penso che nessun che abbia visto quelle immagini pensi sia accettabile o appropriato”, ha aggiunto.

La gente, ha proseguito, è “comprensibilmente” offesa dalla possibilità che le forze dell’ordine usino le fruste o oggetti simili contro i migranti radunatisi vicino a Del Rio (Texas), molti dei quali da Haiti. Un caso imbarazzante di diritti umani per l’amministrazione Biden e per il suo ministro Alejandro Mayorkas, primo responsabile degli Interni ispanico degli Stati Uniti, anche lui figlio di rifugiati (cubani). Quanto alla decisione di Joe Biden di rimpatriare tutti i migranti alla frontiera, Psaki ha detto che “non è questo il momento di venire”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli