1 / 11

Credito Emiliano Holding S.p.A.

Credem non solo è prima in classifica quanto a solidità tra le banche italiane, ma si colloca al quarto posto tra gli istituti europei ai quali la vigilanza bancaria, al termine dell’esame Srep 2019, ha chiesto meno capitale aggiuntivo (pillar 2) rispetto a quello stabilito per legge (pillar 1).

La classifica delle banche più solide in Italia

Per la prima volta Bce ha pubblicato il dato sulla richiesta di capitale aggiuntivo, di “secondo pilastro” (pillar 2), che le banche di solito non pubblicavano, tranne le italiane che risultano tra le meno rischiose.

Il requisito di capitale di secondo pilastro viene fissato dalla Banca Centrale per ogni banca al termine dello Srep, “l’esercizio annuale in cui il supervisore esamina i rischi delle banche e conseguentemente determina i requisiti di capitale individuale per ogni banca, in aggiunta al minimo di capitale richiesto legalmente”.

Sulla base di questi dati vediamo quali sono gli istituti di credito più solidi in Italia...

GUARDA IL VIDEO - Disastri bancari: gli istituti salvati