La collaborazione scientifica tra la Cina e gli Usa è crollata del 20%

Syuhei Yokoyama / Yomiuri / The Yomiuri Shimbun via AFP

AGI - Si incrina la collaborazione scientifica tra ricercatori statunitensi e cinesi. Secondo l'analisi condotta per Nature, il numero di studiosi che dichiarano affiliazioni sia in Cina che negli Stati Uniti è diminuito di oltre il 20% negli ultimi 3 anni. L'analisi delle doppie affiliazioni è stata condotta da Jeroen Baas, direttore dell'analisi presso l'editore Elsevier con sede ad Amsterdam.

Baas ha esaminato gli autori di milioni di articoli nel database Scopus di Elsevier e ha scoperto che il numero di autori che hanno segnalato una doppia affiliazione USA-Cina su almeno una pubblicazione in un anno era salito a più di 15.000 entro il 2018, ma era sceso a 12.500 nel 2021.

Questa caduta è stata più sostenuta che per altre nazioni, ha scoperto Baas, e si è verificata anche se il numero globale di autori che rivelavano affiliazioni multiple continuava ad aumentare.

Gli scienziati esprimono preoccupazione. "Se gli Stati Uniti smetteranno di collaborare con la Cina, stiamo tagliando il nostro accesso a gran parte di ciò che sta accadendo nel mondo scientifico", afferma Deborah Seligsohn, politologo alla Villanova University in Pennsylvania.

Questi segni di calo della collaborazione sono almeno in parte il risultato della pandemia di Covid-19, affermano gli studiosi, ma anche di tensioni politiche. Questi includono gli effetti della controversa China Initiative degli Stati Uniti, una politica che dovrebbe prevenire lo spionaggio che ha preso di mira molti accademici statunitensi per non aver rivelato parte del loro lavoro o finanziamento in Cina.

"Stiamo iniziando a vedere le conseguenze dannose che derivano da una combinazione di mobilità ridotta e maggiore politicizzazione", afferma Joy Zhang, sociologa dell'Università del Kent a Canterbury, nel Regno Unito. "Avere la doppia affiliazione una volta era visto come un distintivo d'onore, ma ora è colorato dalla preoccupazione dello spionaggio scientifico", dice.

Zhang e altri cinque specialisti contattati da Nature hanno affermato che una maggiore politicizzazione della scienza statunitense-cinese stava giocando un ruolo. Già nel 2015-16, dice Zhang, è diventato più difficile per gli accademici stranieri ottenere l'approvazione dei visti per visitare la Cina e per i ricercatori cinesi viaggiare all'estero.

E dal 2018, la China Initiative del governo degli Stati Uniti ha iniziato a indagare su centinaia di scienziati con sede negli Stati Uniti sulle loro collaborazioni in Cina. I ricercatori affermano che, insieme a restrizioni sui visti statunitensi più onerose e controlli inaspriti sulle esportazioni, questo programma ha smorzato i partenariati bilaterali di ricerca USA-Cina e dissuaso gli scienziati cinesi dal visitare gli Stati Uniti. L'iniziativa è stata effettivamente conclusa quest'anno, ma la Cina è inclusa in una più ampia "strategia del Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti per contrastare le minacce degli stati-nazione".

Nel 2021, un sondaggio condotto su quasi 2.000 scienziati negli Stati Uniti ha rilevato che circa la metà degli intervistati di origine cinese provava paura o ansia di essere sorvegliati dal governo degli Stati Uniti ed era più probabile che gli scienziati non cinesi affermassero di aver smesso collaborazioni con ricercatori in Cina negli ultimi 3 anni. "La mia preoccupazione generale da parte degli Stati Uniti è la misura in cui la collaborazione con la Cina viene criminalizzata, anche dopo l'iniziativa cinese", afferma Jenny Lee, scienziata sociale dell'Università dell'Arizona a Tucson, uno dei coautori del sondaggio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli