La commessa del McDonald's: "E' vero, Ronaldo veniva ogni notte. Aspetto l'invito a cena"

Antonio Parrotto

​Carramba che sorpresa! ​Cristiano Ronaldo, nel corso della sua intervista a Good Morning Britain, ha riavvolto il nastro dei ricordi e ha svelato un aneddoto: quando aveva 12 anni andava in un McDonald's a chiedere gli avanzi.

FBL-EUR-C1-ATLETICO-JUVENTUS

"Avevo dodici anni ed ero senza soldi. Vivevo assieme ad altri calciatori della mia età e che venivano da ogni parte del Portogallo. Ed era difficile senza la mia famiglia accanto. Mi ricordo che c’era un McDonald’s lì vicino dove andavamo a chiedere gli hamburger che avanzavano. E c’era una signora che si chiamava Edna, che con due altre ragazze ce ne dava sempre qualcuno. Spero che raccontare questa storia mi aiuti a ritrovarle. Vorrei invitarle a cena a Torino o a Lisbona e ripagarle per quello che hanno fatto per me. Non lo dimenticherò mai" le parole di Ronaldo.

Radio Renascença ha contattato una delle commesse, Paula Leça. La commessa del McDonald's ha confermato la versione raccontata dal calciatore della ​Juventus, sottolineando "Era il più timido del gruppo. Aspettavano vicino alla cassa, come se non volessero nulla. E quando c'erano troppi hamburger, il nostro manager dava loro il permesso di darglieli. Uno di loro era Cristiano Ronaldo, il più timido. Nessuno credeva a questa storia, adesso la gente è consapevole che non mi sono inventata nulla. Se mi invitasse realmente a cena sicuramente ci andrò, e lo ringrazierò".

90min sbarca su Telegram: iscriviti al nostro canale per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Juventus e della Serie A!