La commovente cerimonia di conferimento dell’ambito riconoscimento si è tenuta in Senato

·1 minuto per la lettura
la senatrice Liliana Segre
la senatrice Liliana Segre

La senatrice Liliana Segre riceve un’onorificenza dal paese che sotto l’egida di un governo folle le avrebbe vouto dare la morte, la Germania. Alla Segre è andato un Ordine al Merito che le è stato conferito per la lotta all’odio razziale e “per lo straordinario impegno per ricordare la Shoah e l’instancabile lotta contro l’odio e l’intolleranza”.

Liliana Segre e l’onorificenza dalla Germania per mano dell’ambasciatore Elbing

E la coraggiosa senatrice si è detta “molto onorata ma anche colpita nel profondo”, lo ha affermato ricevendo il riconoscimento dalle mani dell’ambasciatore tedesco Viktor Elbling presso la Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani del Senato della Repubblica Italiana. Ha spiegato la senatrice: “È un’occasione per meditare sul mio lungo e doloroso percorso di riconciliazione con la Germania”.

L’onorificenza della Germania a Liliana Segre: “Penso a Brandt in ginocchio a Varsavia”

L’onorificenza in questione le era stata ufficialmente conferita nel 2020 dal Presidente Frank-Walter Steinmeier. Ha spiegato la Segre: “Rivedo lo storico gesto del cancelliere Willy Brandt, che nel 1970 nella sorpresa generale si inginocchiò a Varsavia davanti al monumento ai caduti del Ghetto”.

Merito “degli intellettuali ribelli al nazismo”: il senso dell’onorificenza della Germania a Liliana Segre

E ancora: “Ripenso alle migliaia di intellettuali e di insegnanti tedeschi che, nel corso dei decenni, ribellandosi al precedente oblio, hanno fatto un lavoro straordinario affinché le nuove generazioni, nate dopo la guerra, facessero i conti con il passato della nazione, con un impegno che è d’esempio per molti Paesi europei, compresa l’Italia”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli