La compagna del vigile morto: "Ho dovuto dire a mia figlia che suo padre non c’è più"

HuffPost
Matteo Gastaldo

“Ho dovuto dire a mia figlia di nove anni che suo padre non c’è più. Non avrei mai pensato di dover essere io a darle un dolore così grande”. Elisa Borghello è la compagna di Matteo Gastaldo, uno dei tre vigili del fuoco in servizio al Comando provinciale di Alessandria uccisi dalle macerie di una cascina a Quargnento, crollata in seguito a un’esplosione. Il Corriere della sera l’ha incontrata al cimitero, circondata dai suoi familiari.

“Matteo ha perso la vita morto facendo ciò che amava. Lui viveva per il suo lavoro. Prima di iniziare il servizio ha baciato me e la bimba e ha detto ‘ci vediamo domani’. Quando il colonnello ha bussato alla porta di casa, a Gavi, per dirmi che era disperso, e poi morto, mi è caduto il mondo addosso. Ora i suoi colleghi dovranno esaudire il suo desiderio: quello di portare la sua bara a spalle”.

VIDEO - La telefonata del carabiniere dopo l’esplosione: “Crolla tutto, stiamo morendo”

 

L’incidente - che ha causato la morte anche dei vigili Antonio Candido e Marco Triches, e ferito altri due colleghi e un carabiniere, non in pericolo di vita - ha assunto i contorni del giallo, per un piccolo apparecchio simile a un timer collegato a due bombole di gas. Per il procuratore Enrico Cieri è stato un atto “voluto e deliberato”, ma ha escluso la matrice eversiva. 

È passata da poco la mezzanotte quando le campagne di Alessandria al confine col Monferrato e con la provincia di Asti vengono svegliate dal primo allarme. Per i vigili del fuoco sembra un intervento di routine. “Non mi ricordo nulla. So solo che mi sono ritrovato a terra”, racconta Graziano Luca Trombetta, uno dei vigili del fuoco investiti dalla seconda deflagrazione, avvertita anche a chilometri di distanza, che ha raso al suolo il secondo edificio del cascinale. Drammatica la telefonata al 112 di Roberto Borlengo, il carabiniere ferito: “fate in fretta perché qui è crollato tutto, stiamo morendo...”.

VIDEO - Matteo, Marco e...

Continua a leggere su HuffPost