La comunità cinese di Prato è in lutto

·1 minuto per la lettura
23enne morta di Covid
23enne morta di Covid

Prato, ragazza di 23 anni morta di Covid: non era vaccinata, è la più giovane vittima del virus in Toscana dall’inizio della pandemia.

Prato, ragazza di 23 anni morta di Covid

Era ricoverata da due settimane all’ospedale Santo Stefano di Prato la giovane 23enne, di origine cinese, deceduta a causa del Covid-19. A quanto emerso, la ragazza non era vaccinata contro il virus.

Fin dal suo ricovero, era apparsa grave, motivo per il quale è stata trasferita fin da subito al reparto terapia intensiva, ma nemmeno l’intubazione le ha permesso di tornare a un quadro clinico stabile.

Prato, ragazza di 23 anni morta di Covid: comunità cinese in lutto

La notizia della morte della giovane si è diffusa rapidamente nella corposa comunità cinese in città. Sul social WeChat, il più utilizzato nella Chinatown pratese, convivono il dolore per la vicenda e la paura per l’aggressività del virus.

Inoltre, sembrerebbe che il Covid abbia aggredito con maggior irruenza la comunità straniera: nelle prime fasi della pandemia, i cittadini cinesi di Prato sembravano essere colpiti in maniera minima dal contagio, ma in questi ultimi mesi sono aumentati la diffusione del Covid, i ricoveri e, nel peggiore dei casi, le morti.

Prato, ragazza di 23 anni morta di Covid: corsa al vaccino

Le persone che fanno parte della comunità cinese a Prato hanno subito iniziato a vaccinarsi dal mese scorso, quando sono partiti gli open day vaccinali negli hub del Pegaso 2 e del Pellegrinaio Novo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli