La conferma dell'Ingv: c'è troppa anidride carbonica nell'atmosfera e quel gas è molto velenoso

·1 minuto per la lettura
Il pinnacolo di fumi tossici a Vulcano
Il pinnacolo di fumi tossici a Vulcano

Fumi tossici emessi sull’isola di Vulcano, si sono registrati preoccupanti malori ad abitanti ed animali delle Eolie e a seguire è arrivata anche la conferma dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia sull’origine di quel fenomeno: è in atto un “degassamento”. L’attività vulcanica in questione, che è andata intensificandosi dopo il parossismo del vicino Stromboli di qualche giorno fa, ha spinto le autorità ad evacuare alcune abitazioni.

Vulcano, malori ad abitanti ed animali: i carabinieri intervengono a Porto Levante

I Carabinieri della territoriale hanno effettuato alcuni interventi mirati in contrada Porto Levante, dove diversi abitanti avevano segnalato la presenza di fumi provenienti dal sottosuolo e di malori ad alcuni animali domestici. Il team del’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia giunto sul posto ha confermato che era in atto un fenomeno di degassamento.

Cosa c’è dietro ai malori ad abitanti ed animali di Vulcano: l’anidride carbonica

Un fenomeno tra l’altro con percentuali di anidride carbonica al di sopra dei valori normali. Per questo motivo i residenti sono stati trasferiti in una struttura ricettiva, mentre altri hanno trovato ospitalità presso i familiari residenti nell’isola.

Allerta gialla per Vulcano, poi arrivano i malori ad abitanti ed animali

Il mese di ottobre era cominciato con l’attività a Stromboli e con un allerta gialla del Dipartimento della Protezione civile proprio per l’isola di Vulcano. Questo perché si erano registrate variazioni significative di diversi parametri nel monitoraggio vulcanico. Sul cratere infatti è visibile un’intensificazione dell’attività di emissioni ricche in gas a temperature elevate.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli