La confidenza ad un'amica

·2 minuto per la lettura
Benno Neumair
Benno Neumair

Il 4 gennaio 2021 Benno Neumair ha ucciso i suoi genitori a Bolzano. Mentre le autorità cercavano senza sosta Peter e Laura, credendoli dispersi, il ragazzo confidava ad un’amica la sua intenzione di voler scappare in India per rifarsi una vita. L’indiscrezione è arrivata agli inquirenti.

Benno voleva scappare

Benno Neumair aveva confidato ad un’amica residente in Germania di voler fuggire in India e rifarsi una vita. La ragazza aveva parlato con lui dopo l’omicidio, perché era preoccupata di come potesse aver reagito alla scomparsa dei genitori. Non sospettava di parlare con il loro assassino. Benno ha fatto questa confidenza all’amica una ventina di giorni dopo aver ucciso i suoi genitori. Voleva andarsi a rifare una vita in India. Per diverse settimane il 30enne si è dichiarato innocente, prima da indagato e poi da arrestato. Il ritrovamento del corpo della madre Laura ha cambiato completamente la situazione. Il cadavere del padre Peter non è ancora stato trovato.

La confessione di Benno è arrivata dopo che il ragazzo ha avuto un crollo psicologico in seguito al ritrovamento del corpo della madre. Inizialmente ha solo confessato di aver ucciso i suoi genitori e di aver gettato i corpi nell’Adige, poi ha aggiunto tutti gli altri dettagli. Al momento si attende l’incidente probatorio per accertare la capacità di intendere e volere del ragazzo, che potrebbe non essere sufficiente per mettere da parte l’ipotesi della premeditazione, che è emersa dopo la sua confessione. Il riconoscimento della totale infermità mentale è abbastanza difficile, visti i tanti dettagli che non tornano nei suoi racconti. Di conseguenza, sarà difficile che non gli venga riconosciuta la premeditazione. L’idea di voler scappare in India può confermare il fatto che stava cercando di allontanare i sospetti da se stesso.