"La curva risale ma abbiamo milioni di prove che i vaccini funzionano.

·2 minuto per la lettura

“La curva dei contagi mostra segnali di inversione di tendenza e questo non ci rende tranquilli. Ma non dimentichiamo: i numeri parlano chiaro e non lasciano spazio agli increduli. In Italia il 75,9% dei positivi non è stato vaccinato, il 16,6 ha ricevuto una sola dose e solo il 7% due dosi di vaccino”.  Anna Teresa Palamara, responsabile del Dipartimento malattie infettive dell’Istituto superiore di sanità, parla al Corriere della Sera. I dati cominciano a mostrare segnali di rialzo dei contagi in alcune regioni.

 

I dati dell’Iss confermano che i vaccinati con doppia dose sono al sicuro?

«I numeri parlano chiaro e non lasciano spazio agli increduli. In Italia il 75,9% dei positivi non è stato vaccinato, il 16,6 ha ricevuto una sola dose e solo il 7% due dosi di vaccino. Ma se guardiamo alle persone ricoverate in terapia intensiva, ne abbiamo 80 tra i non vaccinati, 10 tra i vaccinati con una sola dose, solo 4 pazienti (3 dei quali hanno più di 80 anni), nel gruppo dei vaccinati con due dosi».

Conclusione?

«Chi si vaccina è quasi del tutto protetto dall’infezione e dalle sue conseguenze gravi. È assolutamente prioritario, poi, proteggere con la doppia dose chi ha superato gli 80 anni, l’età da sempre considerata più a rischio».

Di fronte a tali evidenze schiaccianti, come mai continua a resistere una larga schiera di esitanti?

«Purtroppo non ho risposte, ma spero che questi numeri, che corrispondono a persone reali, in carne e ossa, che vengono protette da una malattia grave, possano convincere gli indecisi a vaccinarsi. Personalmente ho grande rispetto per le idee altrui, ma di fronte a una dimostrazione di efficacia verificata su milioni di persone, non vedo motivi per rimanere arroccati su posizioni di scetticismo. I dati che abbiamo provengono dalle più autorevoli istituzioni sanitarie del mondo e i vantaggi finora ottenuti mi sembrano straordinari».

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli