La decisione delle Cedu mette in imbarazzo Putin.

·1 minuto per la lettura
Omicidio Litvinenko Corte di Strasburgo
Omicidio Litvinenko Corte di Strasburgo

La Corte europea dei diritti umani di Strasburgo ha indicato la Russia di Vladimiri Putin come la responsabile dell‘omicidio dell’ex spia Aleksander Litvinenko avvenuta per avvelenamento nel 2006 in Regno Unito.

Omicidio Litvinenko, la decisione della Corte di Strasburgo

Ad appellarsi alla Corte di Strasburgo era stata la moglie dell’uomo che aveva dichiarato che il marito fosse stato ucciso soggetti che operavano per l’interesse specifico del governo russo. Ci sarebbe stata dunque una connivenza tra le autorità russe e gli assasini di Litvinenko. Al momento si tratta di una sentenza primaria, con la definitiva che arriverà solo tra 3 mesi, sempre se le parti coinvolte non chiederanno un secondo esame.

La Corte di Strasburgo sull’omicidio Litvinenko

Nella sentenza dei giudici della Cedu si legge: “esiste il forte sospetto che Andrey Lugovoy e Dmitriy Kovtun, gli uomini che hanno avvelenato Litvinenko, abbiano agito in qualità di agenti del governo russo”. “Mosca – aggiunge la Corte di Strasburgo – non ha fornito alcuna altra spiegazione soddisfacente e convincente degli eventi o capace di invalidare i risultati dell’inchiesta condotta dal Regno Unito”.

Omicidio Litvinenko, per la Corte di Strasburgo responbilità russa

La sentenza della Cedu prevede ora che “Mosca dovrà versare 100mila euro per danni morali alla moglie di Litvinenko e altri 22mila e 500 per le spese legali”. Da Strasburgo è infine arrivata anche la condanna alla Russia per non aver avviato nel suo territorio un’inchiesta che facesse luce sui fatti del 2016.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli