La denuncia del presidente nazionale Anpas.

·1 minuto per la lettura
Covid Pregliasco infangamento social
Covid Pregliasco infangamento social

La grande esposizione mediatica conferita ai medici nel corso della pandemia da covid e la successiva mancata accettazione e condivisione di alcuni loro punto di vista da parte di frange della popolazione, è spesso purtroppo sfociata in attacchi infamanti che arrivano agli stessi medici per via social. A denunciare questa situzione sono stati a turno diversi dei professionisti che abbiamo imparato a conoscere nel corso di queste due anni di pandemia. L’ultimo in tal senso è il virologo Fabrizio Pregliasco che all’Adnkronos Salute ha riferito di subire un infangamento pazzesco sui social da parte di questi leoni da tastiera”.

Covid, Pregliasco: “Subisco infangamento social”

“Io – ha detto Pregliasco – non pubblico quasi niente sui miei profili ma quando ho fatto la terza dose di vaccino anti-Covid insieme all’antinfluenzale ho messo la foto, ma siccome la foto non riprende bene l’ago che entra nel braccio, si sono scatenati a dire che è una finta, con insulti di ogni tipo. C’è gente che da giorni insiste con sei un buffone, eccetera”.

Covid, Pregliasco vittima di infangamento social

Una situazione senza dubbio spiacevole che lo stesso medico spera possa rimanere saldamente legata al solo mondo dei social. “Fortunatamente – ha specificato il virologo – per ora dal vivo, a parte qualcuno che mi ha guardato storto, non ho mai subito aggressioni e anzi ho ricevuto riscontri positivi”.

Covid, infangamento social per Pregliasco

Resta comunque il timore che qualcuno possa andare oltre.La preoccupazione che possa esserci uno psicolabile che prenda azione da questi sciocchi c’è, ha detto Pregliasco sottolineando anche come malgrado i suoi numerosi esposti non si sia ancora arrivati ad arginare il fenomeno degli insulti via social.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli