"La destra non esce più debole dall'Olanda". Antonio Villafranca (Ispi) commenta gli exit poll

Federica Olivo

“I populisti in Olanda non hanno fatto l’exploit che ci si attendeva ma, secondo gli exit poll, sono comunque sopra il 10%. Non ci sono state flessioni significative, un travaso di voti da Wilders a Baudet, in un panorama estremamente frammentato. Io non traslerei, quindi, questo risultato a livello europeo”. Antonio Villafranca, ricercatore dell’Ispi e docente all’Università Bocconi è sorpreso dalla mancata avanzata dei partiti di estrema destra in Olanda, ma tiene a precisare che il risultato olandese non può essere considerato un segnale su quello che sarà l’andamento del voto a livello europeo. “Certamente è un risultato inatteso, ma è molto legato anche alle dinamiche di politica interna, spiega ad HuffPost.

 

Ci si aspettava un exploit dei populisti di destra in Olanda e invece, stando agli exit poll, non c’è stato. Cosa vuol dire?

“Innanzitutto non traslerei questo risultato a livello europeo. Riguarda i Paesi Bassi. Come spesso succede la gente alle Europee vota pensando alla situazione politica interna al Paese, più che pensare alle dinamiche dell’Ue. Certamente è un segnale sorprendente, anche se i populisti di destra non sono andati poi malissimo. È innegabile che non abbiano fatto l’exploit che ci si attendeva dopo che alle provinciali erano risultati primi. Ricordiamoci però che tre anni fa il Forum per la Democrazia di Baudet, che agli exit poll risulta essere sopra al 10%, non esisteva. C’è poi un altro dato”

 

Quale?

I voti che ha ottenuto il Forum per la democrazia sono stati ‘sottratti’ al partito di Wilders (il Freedom Party, alleato di Salvini ndr), che invece rischia di non avere neanche un seggio. Si tratta di voti che sono stati trasferiti da una formazione politica all’altra, non c’è stato un aumento del populismo di destra. Basti pensare che il Forum per la democrazia in questo quadro arriverebbe quarto, e invece c’era la paura che potesse arrivare primo. Questo avviene in un quadro interno...

Continua a leggere su HuffPost