La dieta "low carb": 5 ricette per scegliere i carboidrati buoni, dimagrire e migliorare la salute

Nicoletta Moncalero

Si fa presto a dire che per dimagrire bisogna eliminare i carboidrati. E si fa altrettanto in fretta a sbagliare. L'eliminazione totale dei carboidrati infatti può essere dannosa. I carboidrati infatti forniscono al corpo l'energia necessaria per il funzionamento dei muscoli e del sistema nervoso centrale: sono importanti per le funzioni cerebrali e impediscono che proteine preziose per il corpo vengano utilizzate come fonte di energia. "Nell'ambito di un'alimentazione equilibrata – spiega Amelia Wasiliev-, è consigliabile consumare tra 50 e 150 grammi di carboidrati al giorno. Se volete perdere peso dovete stare attorno ai 50 grammi o poco meno, e soprattutto scegliere i carboidrati buoni".

Così, attenzione quando riempite il frigorifero o la dispensa: sarebbe meglio non solo evitare alimenti trasformati e zuccherati, ma anche prodotti a base di mais, patate e frutta secca. Ancora, sarebbe meglio ridurre leguminose che non solo sono ricche di proteine, ma anche di carboidrati. Attenzione anche a ciliegie, banane, fichi e uva. Meglio scegliere carni e frutti di mare, uova, verdure che crescono in superficie, latticini, frutta a guscio e semi, bacche e frutti rossi. Per chi ha paura di dover rinunciare al gusto, togliendo i carboidrati "più pesanti", c'è motivo di ricredersi. Da colazione a cena, ecco qualche consiglio e ricetta di Amelia Wasiliev, con carboidrati sotto controllo.

Muffin con mela e semi di lino per colazione: 5,84 gr di carboidrati per muffin

Ingredienti: 50g di mandorle in polvere, 30 gr di farina di cocco, 30 gr di semi di lino macinati, mezzo cucchiaino di lievito in polvere, 5 gr di stevia, una mela sbucciata, privata di semi e tagliata a dadini, 75 gr di burro fuso, 2 uova, 2 cucchiai di yogurt bianco, 25 gr di noci frantumate, un cucchiaino di estratto di vaniglia.

Procedimento. Scaldare il forno a 160°. In una ciotola mescolare le mandorle in polvere, la farina di cocco, i semi di lino, il lievito in polvere e la stevia. In...

Continua a leggere su HuffPost