La difficile lotta dei tedeschi per salvare il Reno dalla siccità

YING TANG / NURPHOTO / NURPHOTO VIA AFP

AGI - La Germania ha intrapreso uno sforzo ambizioso e costoso per preservare il ruolo storico del fiume come collegamento vitale per il trasporto.

“Ma funzionerà?, si chiede il New York Times che all'argomento dedica un lungo servizio, anche fotografico.

“Ingegneri, geometri e artigiani hanno trascorso mesi - scrive il quotidiano – perlustrando l'area attorno a un'ansa di quasi 90°, misurando la portata e la velocità dell'acqua” per poi realizzare un modello in scala di 4.500 piedi quadrati “che ricorda un set ferroviario in miniatura iperrealistico, ma per gli appassionati di nautica”, annota il giornale.

Bene, sottolinea il Times, “questo modello da un milione di euro non è un gioco da ragazzi. Fa parte di uno degli esperimenti di adattamento climatici più ambiziosi e costosi d'Europa, uno sforzo di 180 milioni di euro per salvare il ruolo storico del Reno come collegamento essenziale di trasporto per l'economia tedesca dagli effetti negativi del cambiamento climatico”.

Nel raccontare in cosa consista il progetto, il Times annota che “per la Germania, il dibattito è già iniziato sul serio poiché temperature più elevate e periodi di siccità più lunghi hanno messo a dura prova la sua economia, rendendo le già difficili strozzature naturali sul Reno praticamente divenuto sempre meno percorribile e per periodi di tempo sempre più lunghi”.

Pertanto, la sfida del progetto consiste nell'"ottimizzazione" dell'alveo: cioè rendere più profondo il fiume nei punti più critici, “senza causare effetti collaterali indesiderati”. "L'acqua bassa non è un fenomeno nuovo, ma accadrà più spesso e durerà più a lungo", ha dichiarato Oliver Luksic, segretario di stato per i trasporti federali ministero.

Tuttavia, questi recenti eventi di bassa marea “hanno avuto un impatto deprimente sull'economia tedesca” perché fino all'80% del carico navale tedesco - dal carbone, grano e automobili ai container dalla Cina - viene trasportato attraverso Reno, non solo verso il sud del paese, ma anche verso Francia, Svizzera e, sul Canale Meno-Danubio, verso l'Europa orientale”.

Tanto che la siccità del 2018, che ha quasi prosciugato il fiume per lunghe settimane, “è costata all'economia tedesca circa lo 0,3%, circa 12 miliardi di euro”.

Ma rendere più profondo il fiume “senza causare effetti collaterali negativi non è facile”, ha affermato Andreas Schmidt, che dirige un dipartimento di 125 persone presso il Federal Waterways Engineering and Research Institute e sta supervisionando il progetto. Anche l'Unesco dovrà essere consultato e dare la sua approvazione prima dell'inizio dei lavori.