La Docg Morellino di Scansano diventa Ev Friendly

Red/Apa

Roma, 8 ott. (askanews) - Esplorare il territorio incontaminato della Maremma e degustare calici di grandi vini tutelando l'ambiente sarà da oggi possibile grazie a 'Morellino Green', il progetto ideato e realizzato dal Consorzio di Tutela del Morellino di Scansano che rende così l'area del Morellino tra le prime DOCG "EV friendly" in Italia. Un obiettivo tanto voluto e, con orgoglio, raggiunto. In un momento storico, sociale e ambientale in cui la sostenibilità si pone come una delle emergenze primarie, il Consorzio ha deciso di intraprendere un programma di sostenibilità concreto, destinato a crescere e ad ampliarsi ulteriormente.

Il progetto ha coinvolto sinora, oltre alla sede del Consorzio, nove aziende vitivinicole del territorio che si sono dotate di stazioni di ricarica per veicoli elettrici sviluppando in questo modo una rete di spostamenti che riduce l'impatto ambientale dei mezzi e rende fruibile la DOCG del Morellino ad un turismo ecologico ed attento alla sostenibilità.

Ma quello del 'Morellino Green' non è soltanto un percorso sostenibile, bensì riguarda anche una grande valorizzazione paesaggistica ed enogastronomica, in quanto consente di attraversare l'incantevole territorio del Morellino e di sostare presso i suoi poli enogastronomici più interessanti. Il tempo di attesa richiesto per la ricarica dei mezzi potrà essere infatti trascorso nella bellezza delle colline maremmane degustando un ottimo calice di vino prodotto dalle aziende aderenti, presso le quali sono ubicate le stazioni di ricarica, ovvero: Azienda I Lecci, Azienda Agricola Bruni, Cantina Cooperativa Vignaioli Morellino di Scansano, Cantina S. Lucia, Poggio Brigante, Roccapesta, Soc. Agr. Terenzi, Val Delle Rose e Villa Acqua Viva.

"È grazie a queste realtà territoriali, che hanno creduto sin da subito nel progetto, se è stato possibile dar vita a 'Morellino Green' - commenta Alessio Durazzi, direttore del Consorzio di Tutela del Morellino di Scansano - Un progetto nato da pochi mesi e che è solamente all'inizio del proprio percorso. Il futuro prevede, infatti, prospettive di espansione attraverso la collaborazione con altre strutture ricettive, agriturismi e ristoranti, auspicando un sempre maggiore coinvolgimento da parte dei tanti attori presenti sul territorio, sino a definire un vero e proprio 'sistema Maremma'. Come sappiamo la sostenibilità è un tema che riguarda tutti da vicino, così come l'implementazione dell'offerta turistica e della valorizzazione del territorio. Una valorizzazione - conclude Durazzi - eseguita nella calma e nella tranquillità delle colline toscane, che per natura invitano a sostare e a fermarsi, respirando l'aria leggera e sorseggiando i suoi vini d'eccellenza".