La donna è stata condannata a nove mesi di reclusione

·2 minuto per la lettura
Infermiera ruba bancomat a paziente ricoverato
Infermiera ruba bancomat a paziente ricoverato

Poliziotto è ricoverato in fin di vita in ospedale, infermiera gli ruba il bancomat e va in giro a fare compere. Il paziente è deceduto pochi giorni dopo a causa del cancro.

Birmingham: infermiera ruba il bancomat a un paziente ricoverato in fin di vita

È accaduto a Birmingham, in Inghilterra, più precisamente al Queen Elizabeth Hospital, dove un’operatrice sanitaria è stata incarcerata per aver rubato il bancomat a un paziente in fin di vita in ospedale, andandosene poi in giro a fare compere nei negozi, sia fisici che online.

Si tratta dell’infermiera Rebecca Ellis, che, nel febbraio scorso, ha incontrato per caso in ospedale il signor Fred Bromley, ispettore di polizia malato terminale di cancro recatosi al pronto soccorso per i forti dolori dovuti alla malattia.

Birmingham, infermiera ruba il bancomat a un paziente ricoverato in fin di vita: le indagini

L’indagine della polizia ha constatato che la donna ha agito durante la notte, prelevando dalla borsa del 66enne poliziotto la sua carta bancaria contactless iniziando a fare piccoli acquisti che non richiedevano il codice pin.

Per verificare la funzionalità della carta, l’infermiera l’ha utilizzata già all’interno dell’ospedale: la 49enne, infatti, è stata ripresa dalle telecamere di sorveglianza della struttura mentre usava la carta per comprare un pacco di biscotti mentre indossava ancora il camice da lavoro dopo il turno.

Come se non bastasse, ha usato le carte in vari negozi della zona oltre a ordinare vestiti online. È stata la figlia del paziente ad accorgersi degli acquisti mentre il padre era in ospedale e ha bloccato la carta denunciandone il furto.

Birmingham, infermiera ruba il bancomat a un paziente ricoverato in fin di vita: arrestata

L’inchiesta quindi ha identificato come responsabile l’infermiera che è stata arrestata nell’agosto scorso, processata e ora condannata a nove mesi di reclusione da un tribunale locale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli