La donna più ricca d'Africa sul banco degli imputati

Roberto Brunelli

 La "donna più ricca d'Africa" al banco degli imputati e un dirigente bancario trovato morto a Lisbona. Si profila come un giallo internazionale di prima grandezza la formale incriminazione, annunciata giovedì, di Isabel Dos Santos, figlia dell'ex presidente dell'Angola, Josè Eduardo Dos Santos. Le accuse sono gravi: riciclaggio, frode, appropriazione indebita, falsificazione di documenti e nepotismo. I capi d'imputazione riguardano il periodo di 18 mesi in cui la donna ha diretto l'azienda petrolifera di Stato, la Sonangol.

È stato il procuratore generale Helder Pitta Groz a rendere noto l'atto d'incriminazione, che segue le clamorose rivelazioni dei cosiddetti 'Luanda Leaks', la grande inchiesta realizzata dal Guardian e di un consorzio internazionale di reporter investigativi - del quale fanno parte anche la Sueddeutsche Zeitung e le emittenti tedesche Ndr e Wdr - che ha rivelato la storia delle immense fortune della donna, che si trova fuori dal Paese ma fa comunque sapere di respingere con nettezza tutte le accuse.

Il mistero del banchiere trovato impiccato

Oltre alla 46enne Isabel Dos Santos, la Procura angolana ha incriminato tra gli altri anche l'ex direttore finanziario della Sonangol, Sarju Raikundalia, un alto dirigente del Banco de Fomento Angola, Mario Leite da Silva, nonché un dirigente della banca Eurobic, il cui nome in un primo momento non è stato reso pubblico. Poche ore dopo l'annuncio del procuratore, da Lisbona è arrivata la notizia del ritrovamento del corpo del banchiere. A detta delle forze dell'ordine portoghesi, la prima ipotesi è quella di un suicidio, dato che il 45enne è stato ritrovato impiccato nel garage della sua abitazione. Tuttavia gli inquirenti fanno sapere di non escludere la pista dell'omicidio. Voci circa un suo precedente tentativo di omicidio, ad inizio gennaio, ad ora non hanno trovato conferma. 

L'uomo non solo era il direttore del settore 'private banking' della Eurobic, ma anche l'intestatario del conto di Isabel Dos Santos. Tra le altre accuse rivolte a Dos Santos malversamenti, influenza illegale e atti di nepotismo durante la sua guida del colosso petrolifero angolano. La donna d'affari viveva, dopo le dimissioni del padre, tra Londra e Dubai. La giustizia angolana ha reso noto di volere "prendere tutte le misure a disposizione" perchè la 46enne faccia rientro in patria e sia lì sottoposta al giudizio della magistratura. Suo padre, Jose Eduardo Dos Santos, aveva governato l'ex colonia portoghese - spesso definita come uno dei Paesi più poveri e corrotti al mondo - dal 1979 al settembre 2017.

Quasi cento società nei paradisi fiscali

L'inchiesta 'Luanda Leaks' fa emergere il sospetto che Isabel traesse "notevoli vantaggi' dal sistema corruttivo in Angola. Secondo le accuse, la donna avrebbe approfittato "in modo sistematico" delle dinamiche nepotiste praticate nel Paese, con lo scopo di aumentare drasticamente il proprio patrimonio. Stando ai documenti emersi, Dos Santos, suo marito Sindika Dokolo e altre persone di fiducia del gruppo hanno fondato negli ultimi anni oltre 400 società, di cui quasi un centinaio in 'paradisi fiscali' come Malta, Mauritius oppure Hong Kong. Queste società avrebbero tratto vantaggi da commesse pubbliche angolane, ma anche con attività di consulenza e crediti.

Intanto, la banca Eurobic - che ha sede in Portogallo - ha reso noto che Isabel Dos Santos intende vendere le proprie quote nell'istituto: e non si tratta di briciole, dato che lei con una quota di oltre 43% ne è ad oggi l'azionista principale. A quanto affermano oggi i media portoghesi, la figlia del presidente nonché miliardaria ha nel tempo effettuato tramite la Eurobic trasferimenti di denaro d'origine "sospetta". In effetti i conti della donna erano stati congelati già a dicembre. Non solo. Tutta la vicenda sembrerebbe girare intorno all'Eurobic.

Il conto di Dos Santos - che in Angola e in Portogallo spesso viene chiamata solo "la principessa" - tempo fa era stato completamente svuotato, peraltro in circostanze a dir poco dubbie: Stando alle ricostruzioni dei media, nel giro di poche ore complessivamente 52 milioni di euro erano stati trasferiti ad un conto off-shore. Dopo 38 anni al potere, Jose Eduardo dos Santos si era dimesso nel settembre 2017. Il suo successore, Joao Lourenco, ha promesso di lottare con decisione contro la corruzione.