La doppia chiave di lettura del Pontefice arriva da un’intervista con i media del mondo gesuita

Papa Francesco
Papa Francesco

Sulla guerra in Ucraina Papa Francesco ha dato una sua netta interpretazione per cui o “è stata provocata o non impedita”. La doppia chiave di lettura del Pontefice, doppia ma univoca a ben vedere, arriva da un’intervista con i media del mondo gesuita avvenuta il 19 maggio poi pubblicata da Civiltà Cattolica. E le ragioni per cui secondo papa Francesco si sarebbe arrivati alla guerra in Ucraina non sono quelle manichee dei “buoni e cattivi” divisi dal fiume dell’etica. Ha spiegato Bergoglio che “qui non ci sono buoni e cattivi metafisici” e che “sta emergendo qualcosa di globale, con elementi che sono molto intrecciati tra di loro”.

La lettura di Papa Francesco sulla guerra in Ucraina

E il Papa Francesco ha fondato le sue considerazioni anche sull’incontro avuto con un non meglio precisato capo di Stato a gennaio. Un Capo di Stato che “parla poco, davvero molto saggio”e che gli aveva espresso preoccupazione per l’atteggiamento della Nato. Come? Spiegandogli che “stanno abbaiando alle porte della Russia e non  capiscono che i russi sono imperiali e non permettono a nessuna potenza straniera di avvicinarsi a loro”.

Il misterioso e preveggente Capo di Stato

Secondo papa Francesco, quel capo di Stato aveva “saputo leggere i segni di quel che stava avvenendo”. Il Pontefice ha spiegato, anzi, precisato: “Sono semplicemente contrario a ridurre la complessità alla distinzione tra i buoni e i cattivi, senza ragionare su radici e interessi, che sono molto complessi”. Infine l’invito a trasmettere anche il “dramma umano della guerra. Va benissimo fare un calcolo geopolitico, studiare a fondo le cose, lo dovete fare, perché è vostro compito. Però cercate pure di trasmettere il dramma umano della guerra”. Bergoglio non è nuovo a posizioni critiche in cui sia la Nato che la Russia non escono mondi: ad inizio maggio aveva fatto un certo scalpore la sua intervista al Corriere, in cui aveva incluso tra le possibili cause della guerra “l’abbaiare della Nato alla porta della Russia”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli