La dottoressa ironizza sul provvedimento che l’ha colpita dopo le sue reiterate prese di posizione

·1 minuto per la lettura
La dottoressa Silvana De Mari
La dottoressa Silvana De Mari

Arriva “dalla Terra di Mezzo” la motivazione salace di Silvana De Mari, la dottoressa no vax sospesa: “Anche Gandalf è stato sospeso dall’Ordine degli Stregoni”. Il camice bianco ironizza sul provvedimento che l’ha colpita dopo la sua presa di posizione. La De Mari è un chirurgo e psicoterapeuta, punto di riferimento della galassia no vax e per questo fatta oggetto di un provvedimento di sospensione dall’Ordine dei Medici di Torino nella giornata di ieri, 15 settembre.

Silvana De Mari come Gandalf: il suo commento alla sospensione dall’Ordine

La motivazione del provvedimento? Inosservanza dell’obbligo vaccinale previsto dalla legge. E in un filmato pubblicato sulla sua pagina Facebook con annessi post sul suo blog e su Twitter la dottoressa ha tirato fuori l’analogia fra Ordine dei Medici ed “Ordine degli Stregoni” ed anche con quello degli scacchi. Ecco le sue parole: “Non mi hanno fatto nessun danno perché tanto sono in pensione”.

Silvana De Mari, Gandalf, gli scacchi e la “fierezza” di essere una no vax

Poi l’affondo “mistico”: “Ma ci sono tanti scacchisti dolorosi che stanno affrontando problemi drammatici pur di non subire nel loro corpo qualcosa che non vogliono. Erano i migliori scacchisti e sono fiera di far parte di quel numero”.

Gandalf e Silvana De Mari, ma nello sfogo trova posto anche Cirano de Bergerac

Poi la chiosa “elfica”: “Anche Gandalf è stato sospeso dall’Ordine degli Stregoni. Quando l’oscurità invade il mondo i bravi non cedono. Quando l’angelo della morte arriverà potrò guardarlo in faccia e non abbasserò lo sguardo. Come Cirano de Bergerac porterò a Dio immacolato il mio pennacchio bianco”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli