La fake news che ha riguardato il ministro degli Esteri

·1 minuto per la lettura
bufala Di Maio negozi aperti
bufala Di Maio negozi aperti

Sta circolando in rete un tweet nel quale sembrerebbe che il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, abbia potuto scrivere: “Negozi aperti solo se le persone stanno a casa”, ma, come segnalato dal portale Bufale.net, si tratta di una bufala messa in piedi da un account parodia dell’ex capo politico del M5s. Più che soffermarsi sulle parole del tweet, decisamente surreali, è bene prestare attenzione al nome del profilo “Luigi Di Mario Monti – – – Parody”, del quale però molti hanno ignorato la presenza scambiando per reale il contenuto del post.

La bufala su Di Maio e i negozi aperti

Il 16 dicembre 2020, l’account parodia postava questo tweet: “Deve essere chiaro che siamo disposti a lasciare i negozi aperti solo se le persone se ne stanno a casa. Altrimenti li chiudiamo”. Tanto è bastato per additare contro il malcapitato ministro degli Esteri, del tutto estraneo alla vicenda, una serie di insulti e prese in giro che hanno contribuito ad incrementare la diffusione della bufala nata palesemente come una provocazione, tipica per un account parodia specializzato in satira politica.

È bene dunque sempre controllare la fonte, e leggere attentamente il nome del profilo che pubblica un contenuto. Spesso e volentieri questo tipo di account giocano con il loro nome sull’assonanza con il politico o il quotidiano di turno. Celebre è ad esempio il caso del Fatto Quotidaino, da non confondere con il Fatto Quotidiano.