La Fed avverte: "Rischi notevoli per le prospettive a medio termine in Usa"

·1 minuto per la lettura

AGI - La pandemia di coronavirus e le misure intraprese per contenerne la diffusione hanno continuato a incidere sull'economia negli Stati Uniti e all'estero. E' quanto si legge nei verbali della riunione del relativi all'incontro del 4-5 novembre del Fomc della Federal Reserve, che sottolineano i notevoli rischi per il prospettive a medio termine dell'economia.

Le informazioni disponibili al momento della riunione del 4-5 novembre scorso, quando la banca ha deciso di mantenere i tassi allo 0-0,25%, suggerivano che il Pil degli Stati Uniti era rimbalzato a un ritmo rapido nel terzo trimestre ma era rimasto ben al di sotto del suo livello all'inizio dell'anno. 

La Federal Reserve potrebbe aumentare i suoi acquisti di asset per sostenere l'economia Usa,  si legge anche nei verbali.  La Federal Reserve - si legge nelle minute - sta analizzando la possibilità di aumentare lo stimolo monetario con maggiori acquisti di debito per sostenere la ripresa. I partecipanti alla riunione hanno notato che il comitato potrebbe offrire maggiore incoraggiamento, se appropriato, attraverso un aumento del ritmo degli acquisti e uno spostamento nell'acquisizione di buoni del tesoro a quelli con un periodo di scadenza piu' lungo senza aumentare il volume di acquisti.

Il prossimo incontro della Fed è previsto per il 15-16 dicembre.