La Fed valuta l'avvio del tapering già a fine anno. Lo rivelano le minute

·4 minuto per la lettura

AGI - Nella riunione di fine luglio i funzionari della Federal Reserve hanno intensificato le discussioni su come e quando iniziare l'avvio del "tapering", a sostegno di un'economia che cresce più rapidamente di quanto ci si aspettasse all'inizio dell'anno. I verbali della riunione della Fed del 27-28 luglio hanno fatto luce su un consenso emergente per iniziare a ridimensionare i 120 miliardi di dollari di acquisti mensili di titoli del Tesoro e titoli ipotecari in una delle tre riunioni politiche rimanenti quest'anno. "La maggior parte dei partecipanti ha notato che, a condizione che l'economia si evolvesse ampiamente come previsto, hanno ritenuto opportuno iniziare a ridurre il ritmo degli acquisti di attività quest'anno", si legge nel verbale.  

Le minute mostrano come diversi funzionari preferirebbero ridurre gli acquisti di asset nei prossimi mesi al fine di posizionare meglio la Fed per aumentare potenzialmente i tassi se l'economia si rafforzasse ulteriormente l'anno prossimo, mentre altri pensano che la Fed possa aspettare fino all'inizio del prossimo anno perché vogliono avere prove più certe che il mercato del lavoro sia finalmente 'guarito' dalla pandemia.

I funzionari della Fed si aspettavano un aumento temporaneo dell'inflazione poiché l'economia fatica a fornire beni e servizi sufficienti per tenere il passo con la domanda quest'anno. Ma lo scatto è stato più forte e più ampio di quanto previsto dai funzionari. Su una base di 12 mesi, l'indicatore di inflazione preferito dalla Fed, dopo aver escluso le categorie alimentari ed energetiche volatili, è aumentato del 3,5% a giugno, il massimo degli ultimi 30 anni.

A pesare è anche l'ombra della variante Delta del Covid, che - si legge in un passaggio dei verbali - "continua a rappresentare un elemento di incertezza" perché la sua diffusione "potrebbe ritardare temporaneamente la piena riapertura dell'economia e limitare le assunzioni e l'offerta di lavoro". 

La Fed ha tagliato i tassi di interesse vicino allo zero lo scorso anno e ha iniziato ad acquistare 80 miliardi di dollari al mese in titoli del Tesoro e 40 miliardi in titoli ipotecari per fornire ulteriore stimolo all'economia fiaccata dalla crisi innescata dal Covid. I banchieri centrali a dicembre hanno affermato che vorrebbero vedere "ulteriori sostanziali progressi" verso il raggiungimento dei loro obiettivi di inflazione in media del 2% nel tempo e condizioni del mercato del lavoro coerenti con la piena occupazione. 

I membri del Fomc hanno affermato in una dichiarazione alla conclusione della riunione del mese scorso che "l'economia ha fatto progressi" verso gli obiettivi della Fed. Mentre i funzionari vogliono vedere più assunzioni prima di ritirare l'acquisto di obbligazioni, "c'è una serie di opinioni su quale tempismo sarà appropriato", ha detto il presidente della Fed Jerome Powell nella conferenza stampa del 28 luglio.

I banchieri Usa devono anche considerare il ritmo di eventuali riduzioni. Durante un precedente programma di acquisto di attività conclusosi nel 2014, la Fed ha ridotto i suoi acquisti in importi modesti e uguali nel corso di 10 mesi. Diversi funzionari hanno affermato di recente che preferirebbero un ritmo di riduzione più rapido quest'anno perché l'economia sta facendo progressi più rapidi verso gli obiettivi della banca.

Il presidente della Fed, Jerome Powell deve creare un consenso tra gli altri 17 funzionari che partecipano alle riunioni regolari del comitato per la determinazione dei tassi della Fed. Alcuni temono che l'esplosione dell'inflazione di quest'anno causata dalle strozzature associate alla riapertura dell'economia si dimostrerà più duratura. Sono anche preoccupati che l'acquisto di obbligazioni da parte della Fed stia esacerbando queste pressioni stimolando la domanda.

Un altro gruppo pensa che le recenti pressioni sui prezzi si placheranno e potrebbero lasciare la Fed nella stessa posizione che ha affrontato per gran parte dell'ultimo decennio, durante il quale le forze globali hanno mantenuto l'inflazione al di sotto del 2% anche con tassi di interesse storicamente bassi. Sono preoccupati che l'accelerazione dei piani per ridurre gli acquisti di asset potrebbe portare gli investitori a chiedersi se la Fed abbia fretta di aumentare i tassi o meno impegnata a ridurre la disoccupazione.

Gli analisti si aspettano che la Fed annunci il suo piano per un "tapering" dei suoi acquisti di attività già nella riunione di politica monetaria del 21-22 settembre, con meno certezza su come rapidamente l'effettiva riduzione del programma di acquisto di obbligazioni procederà. Powell potrebbe fornire informazioni già durante il suo intervento alla conferenza annuale a Jackson Hole, nel Wyoming, la prossima settimana. (AGI)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli