La festa, i caroselli e i cori nelle città di tutta Italia

·6 minuto per la lettura

AGI - Suoni di clacson, caroselli di auto, musica ad alto volume, bandiere tricolori al vento e anche fuochi d'artificio. La Nazionale di calcio va in finale agli Europei e nelle città italiane, ma anche nei piccoli centri, da Nord a Sud del Paese, esplode la festa.

Da Milano a Palermo, da Roma a Napoli, dopo il rigore decisivo battuto Jorginho sono stati davvero in tantii a scendere in strada e festeggiare il traguardo della finale di domenica prossima, contro l'Inghilterra o la Danimarca, sempre a Londra.

Roma

Grande festa a piazza del Popolo, a Roma. "Siamo fortissimi" gridano una signora con in testa un cappello tricolore, e i tantissimi giovani che stasera hanno scelto la piazza per seguire questa semifinale I cori cantano "Siamo in finale" e le trombette non smettono di suonare per le vie del centro. "Una gioia incontenibile" gridano alcuni che non smettono di saltare e intonare cori inneggianti alla Nazionale di Mancini che in questo Europeo non ha sbagliato un colpo.

Ma vinceremo gli Europei? "Dobbiamo", "siiiii", "con una squadra così sembra ovvio" sono le risposte che si rincorrono in questa che si prospetta una notte di festeggiamenti in piazza.

I cori e i festeggiamenti si sono poi spostati in piazzale Flaminio e in tutte le vie del centro di Roma, dove migliaia di cittadini hanno scelto di vedere la partita Italia - Spagna nei maxi schermi allestiti a piazza del Popolo e in Via dei Fori Imperiali.  

Tutto poi si è spostato in piazzale Flaminio e in tutte le vie del centro di Roma dove migliaia di cittadini questa sera hanno scelto di vedere la partita Italia - Spagna nei maxi schermi allestiti a piazza del Popolo e in Via dei Fori Imperiali.

Caroselli, trombette e cori risuonano in tutti i quartieri della capitale dove si sta festeggiando la vittoria e la conquista della finale, che domenica 11 luglio vedrà l'Italia contendersi il titolo europeo con la squadra che vincerà il match di questa sera tra Inghilterra e Danimarca. 

Milano

Dalle case e dai locali la festa per la vittoria degli azzurri nella semifinale degli Europei si è trasferita nelle strade di Milano. Numerose le persone in giro in macchina e a piedi che tra colpi di clacson, sventolio di tricolori e cori, tra cui l'ormai immancabile “Po-popopo-po”, stanno celebrando la vittoria dell'Italia ai rigori conto la Spagna e la qualificazione per la finale contro la vincente della sfida Inghilterra-Danimarca in programma domenica 11 luglio.

Rallentamenti alla circolazione si registrano sulle principali arterie cittadine. Concentramenti di tifosi ci sono in diverse piazze, con il principale in Darsena dove diversi locali si erano attrezzati con schermi all'aperto.

Torino

Caroselli e fuochi d'artificio a Torino dopo il rigore siglato da Jorginho che é valso per la Nazionale la finale dell'Europeo. Molte auto si sono riversate per le vie del centro, con i Tricolori sventolati dai finestrini. Migliaia di tifosi anche nelle piazze, con i piú esagitati che hanno occupato la carreggiata di corso Vittorio Emanuele, bloccando per qualche minuto i mezzi pubblici.

Genova

Bandiere, qualche fumogeno, ma soprattutto slogan, clacson, cori: alle fine della gara una folla tricolore si è riversata nella centrale piazza De Ferrari, a Genova, per festeggiare la vittoria degli azzurri sulla Spagna e la conquista della finale agli Europei. Centinaia le persone in piazza, avvolte dai tricolori, con parrucche rosse bianche e verdi o, semplicemente, con una maglia azzurra.

Motorini e auto si sono riversati anche negli altri quartieri di Genova, a ritmo di "Seven Nation Army", il brano che fece da tormentone per la vittoria azzurra al mondiale del 2006, in segno di buon auspicio. Un gruppo di ragazzi ha indossato la maglia della Samp per celebrrare il duo Mancini-Vialli: "Finalmente Wembley!" hanno gridato in coro.

Firenze

Festeggiamenti sfrenati e caroselli per le strade: Firenze scende in piazza dopo i rigori contro la Spagna per celebrare la finale faticosamente raggiunta dagli Azzurri. In attesa di scoprire l'avversario della finale, fissata domenica sera a Wembley, centinaia di persone sono uscite di casa con il tricolore per festeggiare la vittoria al grido di "Po-po-po-po-poo" come nel Mondiale 2006.

Nel frattempo, all'altezza dei principali snodi stradali cittadini si registravano cori sfrenati e un concerto di clacson percebili anche fuori dal centro storico. Grande movimento anche nelle piazze del centro storico, con i locali presi d'assalto soprattutto dai più giovani.

Napoli

Un boato al primo gol dell'Italia. Urla e imprecazioni al pareggio della Spagna. E poi gioia infinita all'ultimo rigore. Napoli si è sin da subito riversata in strada e sogna di vincere gli Europei. I caroselli sul Lungomare, immancabili e nelle piazze della città – Trieste e Trento e Plebiscito – dove si stanno radunando in centinaia per festeggiare la squadra di Mancini e l'idolo della città, Il calciatore del Chelsea Jorginho, ex centrocampista amato del Napoli di Maurizio Sarri che porta la città del Vesuvio sempre nel cuore e non manca di dedicare gol agli ex compagni. E al suo rigore. L'ultimo, battuto con la freddezza di un campione, la città è esplosa. Un pezzo della finale è anche partenopea.

Ci credevano i tifosi degli Azzurri che già dal pomeriggio hanno fatto esplodere in aria fuochi d'artificio nei quartieri popolari della città, come da tradizione nelle partite importanti del Napoli. Da Pianura ai Quartieri Spagnoli, dall'Arenaccia al rione Traiano, dalla Torretta a Soccavo. Mortaretti, fumogeni e anche ultras che si sono radunati, invece, in piazza Borsa.

Nella zona Collinare della città, Vomero e Arenella è stato un tripudio di bandiere alle finestre. E per l'occasione c'è stato qualche bar che dalla mattina ha preparato il ‘caffè Italia'. Schiuma del latte con i colori del Tricolore. Le pizzerie del centro storico hanno offerto un menu tifosi: 15 euro con frittura, pizza Margherita e birra. Anche se tanti hanno scelto di restare a casa in famiglia. Per scaramanzia o per prudenza, evitando inutili assembramenti.

E la festa è stata enorme. Dalle finestre c'è chi ha usato tutto ciò che aveva a disposizione per fare baccano. Pentole e mestoli ma anche trombe che sono andate a ruba dalle bancarelle dislocate in più punti della città. Napoli sogna.

Palermo

Caroselli di auto e clacson, trombette e tricolori a tutto spiano. Nel giro di poco più di due ore, rigori inclusi, Palermo passa dal 'lockdown' questa volta volontario e teso davanti alla tv alla gioia in piazza per la vittoria degli azzurri agli Europei.  In scooter, in macchina e qualcuno anche in monopattino molti scendono in strada per festeggiare. Accesi anche dei petardi e tutti esultano e intonano l'immancabile “Po-popopo-po”.

In piazza Verdi dominano clacson, botti, suoni di trombette, bandiere sventolate per strada e su moto sfreccianti. I balconi tra il Tribunale e il Teatro Massimo si sono tinti di tricolore. Concentrameti sono in corso in piazza Politeama e caroselli in via Wagner, via Roma e via Libertà. La gioia è anche in periferia, dove vengono sparati botti nel quartiere Zen.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli