La figlia dell’allenatore del Bologna invita gli haters autori delle offese social a “vergognarsi”

Viktorjia Mihajlovic con il papà Sinisa
Viktorjia Mihajlovic con il papà Sinisa

Il limite della decenza è stato davvero oltrepassato e Viktorjia Mihajlovic difende papà Sinisa: “Famiglia e salute non si toccano”. La figlia dell’allenatore del Bologna contestato e fatto oggetto di turpi offese per i risultati non proprio eccellenti della squadra invita gli haters autori delle offese social a “vergognarsi” e su Instagram scrive: “Non scrivo mai queste cose sui social. Non ho mai perso tempo con persone che si nascondono dietro a una tastiera per sfogare tutta la loro frustrazione”.

Viktorjia Mihajlovic difende papà Sinisa

“Ma credo che quando il limite viene raggiunto e addirittura oltrepassato qualcosa vada detto. Non trovo giusto mischiare il lavoro alla vita privata“. E ancora, commentando le spiegazioni tecniche del papà: “Il problema è che facciamo pochi gol e in qualche maniera li riusciamo sempre a prendere. Nel primo tempo ci mancava un pò di fisicità, così ho cambiato i due esterni. Ma quando sbagli tutte queste occasioni alla fine è giusto che pareggi”.

“Quello che scrivete è raccapricciante”

Poi la ragazza va alla polpa del problema: “Volete insultare mio padre dal punto di vista lavorativo? Siete liberissimi di farlo, ci mancherebbe. Ma quando poi si tratta di famiglia, di di salute e di tante altre cose vergognose che ho letto, no. Non lo accetto più. Quello che scrivete è raccapricciante”.  E in chiosa: “Ricordatevi che stiamo parlando di un uomo, di un padre. Ricordatevi che ci sono di mezzo dei ragazzi che potrebbero leggere quello che scrivere e rimanere colpiti. E io mi vergogno per voi“.