La Gdf smantella una banda di "pirati" della tv -2-

Cro/Mau

Roma, 16 mag. (askanews) - Dopo aver creato, in tal modo, il bouquet di canali, il gruppo criminale provvedeva ad abilitare i clienti privati alla visione, tramite codici di accesso, su smart-tv, personal computer, tablet e smartphone, dietro pagamento di "abbonamenti" illeciti a prezzi fortemente concorrenziali (tra i 15 e i 20 euro, a fronte di un valore commerciale di oltre 100 euro). Il volume d'affari complessivo ricostruito dal 2015 ad oggi ammonta a oltre un milione di euro. Gli indagati sono 49 per reati in materia di pirateria audio-visiva e riciclaggio. Nei confronti di 12 di essi si procede anche per il reato di associazione per delinquere. Tra questi ultimi figurano 5 cittadini italiani, promotori del sistema, destinatari della misura di custodia cautelare (i primi 4 in carcere e l'ultimo agli arresti domiciliari). L'organizzazione era articolata in piu livelli: al vertice operavano le cosiddette "sorgenti", che provvedevano alla decriptazione del segnale e alla sua rivendita agli intermediari o reseller; questi, a loro volta, procedevano alla vendita del servizio ai clienti finali. A tali soggetti si affiancavano i "riciclatori", titolari o utilizzatori delle carte di credito sulle quali confluiva il profitto dell'attività delittuosa. Il grado di professionalita raggiunto dal sodalizio e stigmatizzato nell'ordinanza di custodia cautelare, in cui viene dato atto di "una capacità organizzativa importante e finalizzata alla costituzione di una impresa distributrice parallela in grado di fornire servizi del tutto analoghi alle aziende lecite, dalle verifiche di fattibilita all'installazione del servizio, alla fornitura mantenendo standard adeguati fino anche all'assistenza tecnica alla clientela".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità