La Germania proporrà un programma di "crediti illimitati" per le imprese

Il governo tedesco annuncia un piano massiccio di aiuti per per attenuare l'impatto del coronavirus sull'economia: un pacchetto ancora più importante di quello messo in atto durante la crisi finanziaria del 2008, un'iniziativa senza precedenti nella storia del dopoguerra.

Tra le misure previste e illustrate dai ministri delle Finanze e dell'Economia, Olaf Scholz e Peter Altmaier, un “programma di crediti illimitati” per le aziende del paese che devono affrontare problemi di liquidità. Si parte da almeno 550 miliardi di euro. Si tratta di “uno scudo di protezione per lavoratori e imprese”, ha detto Scholz davanti alle telecamere, aggiungendo che “non c'è un limite verso l'alto” della somma che sarà erogata. “Come abbiamo detto, non ci sono limiti. Mettiamo sul tavolo tutte le armi a disposizione”. 

Inoltre sono previsti allentamenti fiscali per le aziende, ha aggiunto il ministro alle Finanze, che è anche vicecancelliere. L'idea è di “garantire la liquidità delle imprese per i prossimi anni”, ha aggiunto Scholz. A detta del suo collega all'Economia, Peter Altmaier, “si tratta dell'aiuto più ampio che ci sia mai stato: un'iniziativa senza precedenti nella storia del dopoguerra”.

Attualmente vengono già messi a disposizione 20 miliardi di euro” ma “non ci saranno, appunto, limiti”. Altmaier ha parlato di un “piano in tre step”: il primo prevede un sistema di garanzia e di crediti bancari per problemi di liquidità a breve termine nonché alleggerimenti per favorire il rimpinguamento degli stipendi di chi si vede accorciare gli orari o le giornate di lavoro.

“Il nostro Paese è dinnanzi ad una situazione molto seria”, ha detto ancora Scholz. Di fronte alle chiusure delle scuole e di altri eventi, “è ovvio che proviamo tutti delle sensazioni strane”, ma il governo tedesco “utilizzerà ogni mezzo che abbiamo a disposizione” per attenuare gli effetti di questa crisi.