La Germania rafforza i controlli ai confini: si entra con il test

·1 minuto per la lettura
featured 1253613
featured 1253613

Roma, 30 mar. (askanews) – Controlli a tappeto ai confini in Germania per i prossimi 8-14 giorni. È la stretta annunciata dal ministro dell’Interno, Horst Seehofer, in particolare per chi arriva da Francia, Danimarca e Polonia, per contrastare la diffusione del coronavirus e in vista delle gite fuori porta pasquali.

“Per tutti gli altri confini tedeschi, la polizia controllerà il rispetto delle regole d’ingresso, in particolare il test obbligatorio e la registrazione online dell’ingresso”, ha spiegato Seehofer in conferenza stampa, aggiungendo che i controlli potranno avvenire in un raggio di 30 chilometri dall’entrata nel paese.

“Non estenderò i controlli al confine tirolese, rafforzati a causa della pandemia. Hanno superato il peggio, ora la situazione di contagio in Tirolo è considerevolmente migliorata”, ha aggiunto.

La polizia potrà multare chi non presenta un certificato con tampone negativo o non ha completato la registrazione online prima dell’ingresso. Chiunque provenga da una zona “ad alto rischio”, come la Francia, dovrà anche sottoporsi a una quarantena al suo arrivo.

“Tutte queste regole puntano a evitare che il virus entri in Germania, ciò significa che le restrizioni sono temporanee, ma irrinunciabili”, ha sottolineato.

Controlli sistematici al confine, dove ogni auto viene fermata e può essere respinta, sono invece in programma alla frontiera con la Repubblica Ceca.