La giovane è stata attirata in una trappola

·2 minuto per la lettura
Violenza sessuale
Violenza sessuale

Si torna a parlare di violenza sessuale, argomento purtroppo molto attuale in quest’ultimo periodo. A Campobello di Mazara una ragazza di 18 anni è stata attirata in una trappola ed è stata stuprata dagli amici ad una festa.

Ragazza stuprata dagli amici: una trappola

Una ragazza di 18 anni è stata attirata in una vera e propria trappola. La giovane è stata invitata in una casa con la scusa di una festa, ma in realtà volevano solo violentarla. I fatti sono accaduti in un’abitazione di Tre Fontane, a Campobello di Mazara, in provincia di Trapani. Quattro giovani di età compresa tra i 20 e i 24 anni sono stati fermati dai carabinieri della Compagnia di Mazara del Vallo e sono stati arrestati con l’accusa di violenza sessuale ai danni di una 18enne. Le indagini erano partite lo scorso 8 febbraio, quando la vittima si era presentata dai carabinieri per sporgere una denuncia.

Ragazza stuprata dagli amici: cosa è successo

Una ragazza di 18 anni è finita in un terribile trappola che purtroppo l’ha portata ad essere una vittima di violenza sessuale. Un storia davvero terribile, per cui sono stati arrestati quattro ragazzi, che a quanto pare erano suoi amici. La giovane, quando ha sporto denuncia, ha spiegato di essere stata invitata ad una festa a casa di persone che conosceva bene. Doveva essere una festa con diverse persone, dovevano essere presenti sia ragazzi che ragazze. Quando è arrivata presso l’abitazione, però, nell’abitazione ha trovato solo i quattro ragazzi che poi sono stati arrestati. Ci sono stati dei primi momenti dedicati alla musica e all’alcol e la giovane avrebbe avuto un rapporto sessuale con uno di loro in una stanza situata al piano di sopra dell’abitazione. Poi la situazione è degenerata.

Ragazza stuprata dagli amici: la denuncia

Durante il rapporto che ha avuto con uno dei quattro giovani, il ragazzo avrebbe chiamato gli altri amici. La ragazza ha spiegato di aver iniziato ad urlare, di aver cercato di ribellarsi, ma i quattro ragazzi l’hanno stuprata e le hanno procurato lividi e contusioni in tutto il corpo. Secondo il racconto fatto ai militari, mentre implorava ai quattro di fermarsi, loro ridevano. Dopo la denuncia sono partite le indagini e sono state disposte intercettazioni telefoniche e ambientali. Il gip ha disposto gli arresti per i quattro ragazzi indagati, sostenendo l’esistenza del pericolo di inquinamento probatorio e “l’alta probabilità di reiterazione del reato per la pericolosità sociale e la personalità” dei giovani coinvolti.