La giuslavorista pugliese l’ha spuntata per un solo voto sulla collega Daria De Pretis

Silvana Sciarra
Silvana Sciarra

Dopo Giuliano Amato ancora una donna alla guida del massimo organo di giustizia di rango costituzionale: Silvana Sciarra è la nuova presidente della Consulta e la giuslavorista pugliese trapiantata a Roma l’ha spuntata per un solo voto sulla collega Daria De Pretis. Dopo tre anni dalla nomina della Guardasigilli uscente Marta Cartabia la nuova presidente è la giuslavorista Silvana Sciarra. La 74enne toga di massimo rango è originaria di Trani e nel 2014 fu il Parlamento a eleggerla giudice costituzionale.

Sciarra è la nuova presidente della Consulta

Sciarra succede a Giuliano Amato, di cui è stata vicepresidente ed il suo mandato scadrà a novembre del 2023. La sua elezione, come spiega Ansa, è stata determinata da un solo voto di scarto: per lei 8 voti contro i 7 andati a Daria De Pretis. La partita si è dunque giocata tra le due donne vicepresidenti, “visto che nessun voto è andato al terzo candidato Nicolò Zanon”.

La linea: “Rafforzerò la collegialità”

Ha detto la Presidente Sciarra nel corso della tradizionale conferenza stampa dopo l’elezione: “Ringrazio i miei colleghi per la fiducia”. E ancora: “Intendo rafforzare la collegialità”. Come primo atto da presidente della Consulta ha confermato come vicepresidenti De Pretis e Zanon.