La Grecia ha innalzato un muro contro i migranti afghani

·1 minuto per la lettura
(Photo by Nicolas Economou/NurPhoto via Getty Images)
(Photo by Nicolas Economou/NurPhoto via Getty Images)

La Grecia ha fatto sapere di aver portato a termine la costruzione di un muro lungo 40 chilometri al confine con la Turchia. La barriera (che in precedenza esisteva già ma era lunga 12,5 chilometri) servirà a bloccare un eventuale flusso di migranti dall'Afghanistan dopo la presa del potere da parte dei talebani, in modo da impedire il ripetersi della crisi migratoria del 2015, quando quasi un milione di persone valicarono le frontiere dal Medio Oriente.

Il governo ha anche dotato il muro di un sistema di sorveglianza elettronico ad alta tecnologia, oltre ad aver rafforzato la presenza di uomini e mezzi al confine turco. 

VIDEO - Il muro di Erdogan per fermare i migranti afghani

"Non possiamo aspettare passivamente il possibile impatto" della crisi afghana, ha detto il ministro della Protezione dei cittadini Michalis Chrisochoidis durante una visita nella regione di Evros con il ministro della Difesa e il capo di stato maggiore. "I nostri confini rimarranno sicuri e inviolabili", ha aggiunto.

VIDEO - Ponte aereo dall'Afghanistan, la testimonianza di un pilota

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli