La guerra incancrenita d'Ucraina e le minacce di Mosca

Il martellamento dei bombardamenti russi perde relativamente d'intensità ma in pochi giorni i raid hanno ridotto di un terzo le capacità ucraine di fornire elettricità alla popolazione nell'insieme del territorio nazionale. Nella città meridionale di Mykolaiv e dintorni la distruzione è ben visibile: sono molti gli edifici pubblici in rovina. Si registra comunque un solo morto a causa degli ultimi raid. L' efficace contrasto ai missili russi dipende totalmente dai raffinati sistemi antimissile forniti dalla Nato e dal presidio del sistema satellitare Starlink di Elon Musk.

La praticità informatica

"Non servono molte informazioni: lo installi, lo accendi, lo colleghi...questo è tutto. La connessione parte ...trasmissioni, internet, trasferimento dati...se non avessimo Starlink sarebbe durissimo per i nostri strumenti di comunicazione”: ammette il comandante della 59esima brigata ucraina che assicura le trasmissioni operative dell'esercito di Kiev.

La rabbia di Mosca

Il coinvolgimento occidentale nella guerra suscita rabbia a Mosca. Il portavoce di Vladimir Putin, Dmitry Peskov, accusa la Gran Bretagna di aver aiutato nell'attacco con droni e missili alle navi della flotta russa sul Mar Nero e di aver sabotato i gasdotti del Mare Baltico. "Ci sono prove che la Gran Bretagna sia implicata in questi atti di sabotaggio, in parole povere, un atto terroristico, contro un'infrastruttura energetica vitale, è molto importante tenerne conto. Tali azioni non possono essere ignorate. Naturalmente prenderemo i nostri provvedimenti": ha ammesso Peskov.

Riservisti russi al fronte

Oltre 80.000 dei 300.000 riservisti russi, richiamati nell'ambito della mobilitazione parziale annunciata da Mosca, sono stati inviati nelle zone di combattimento in Ucraina: lo ha detto il ministro della Difesa russo Sergey Shoigu. Lo ripota la Tass. "Un totale di 87.000 uomini sono stati inviati nelle zone delle operazioni di combattimento dopo un ulteriore addestramento" da parte di 3.000 istruttori, ha detto il capo della Difesa di Mosca.

L'escalation

L'Occidente spinge il mondo verso una guerra globale, solo la vittoria russa è una garanzia contro la guerra mondiale.

Sono le ultime parole del falco Dmitri Medvedev su Telegram che rincara: "l'Occidente continua a ripetere che non si può permettere alla Russia di vincere. Che significa? Se non vince la Russia, deve vincere l'Ucraina. E l'obiettivo di Kiev è il ritorno di tutti i territori che in precedenza le appartenevano. Questa è una minaccia all'esistenza stessa del nostro Stato. E rappresenta una ragione diretta per l'applicazione della clausola 19 dei Fondamenti della politica della Federazione Russa nel campo della deterrenza nucleare".