La guerra tra Israele e Gaza non si placa. Biden: "Tel Aviv ha diritto di difendersi"

·6 minuto per la lettura

AGI - Le ostilità tra Israele e Hamas sono proseguite nella notte e nelle prime ore del mattino. I razzi lanciati dalla striscia di Gaza hanno raggiunto per la prima volta il Nord dello Stato ebraico, nella valle di Jezreel, dove hanno suonato le sirene. Allarme anche a Tel Aviv, dove migliaia di cittadini hanno dovuto cercare riparo nei rifugi. Non ci sono finora notizie di feriti.

L'aviazione israeliana ha effettuato nuovi raid sul territorio della striscia di Gaza dove, secondo il ministero della Sanita' locale, sono morte almeno 67 persone dall'inizio delle ostilita'. Sono invece finora sette le vittime in Israele.

Il ministro della Difesa israeliano, Benny Gantz, ha assicurato che le operazioni continueranno finché la situazione non sarà "del tutto tranquillizzata". Nelle centinaia di operazioni degli scorsi giorni l'aviazione dello Stato ebraico ha ucciso quattro comandanti militari e decine di funzionari di Hamas. Due palazzi ritenuti basi del movimento islamista sono stati rasi al suolo.

Aumentano i razzi lanciati dalla Striscia

Sono circa 1.500 i razzi che sono stati lanciati da Gaza in direzione delle città israeliane da quando sono iniziate le ostilità fra Hamas e Israele. Lo ha reso noto l'esercito israeliano. Mercoledì mattina lo stesso esercito aveva spiegato che da lunedì mattina mille razzi erano stati lanciati da Gaza. Sono quindi stati circa 500 i razzi lanciati nelle ultime 24 ore. 

Secondo l'esercito, 350 razzi "hanno fallito" e "centinaia" di altri sono stati intercettati dallo scudo missilistico "Iron Dome". Sette persone sono state uccise, tra cui un bambino di sei anni e un soldato, dal fuoco di razzi o missili anticarro dalla Striscia di Gaza.

L'esercito israeliano, da parte sua, ha martellato la striscia di Gaza e stava continuando i suoi attacchi giovedì mattina presto, secondo un giornalista dell'AFP sul posto. Secondo l'ultimo rapporto del ministro della salute della Striscia di Gaza, gli scontri degli ultimi giorni hanno provocato 67 morti e 388 feriti in questo impoverito territorio palestinese di due milioni di abitanti.

Questa mattina presto, le sirene hanno suonato di nuovo nella metropoli di Tel Aviv, dove i residenti si sono precipitati nei rifugi, ma anche nella Valle di Jezreel, situata nella Galilea (nord) del Paese.

Biden sente Netanhyahu

"Israele ha diritto a difendersi". Così il presidente Joe Biden, segnalando di aver parlato con il premier israeliano Benjamin Netanyahu e indicando di sperare che il conflitto finisca al più presto.

Biden, inoltre, ha intenzione di nominare nelle prossime settimane l'ambasciatore americano in Israele. Lo ha detto la portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki, durante il briefing con i cronisti.

Blinken chiama Abu Mazen

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha annunciato  di aver parlato con il presidente dell'Autorità palestinese Abu Mazen (Mahmoud Abbas) e ha chiesto la fine del lancio di razzi dalla striscia di Gaza verso Israele.

"Ho parlato con il presidente Abbas della situazione in corso a Gerusalemme, in Cisgiordania e a Gaza. Ho espresso le mie condoglianze per la perdita della vita. Ho sottolineato la necessità di porre fine agli attacchi missilistici e di abbassare le tensioni", ha twittato il funzionario americano.

I spoke with President Abbas about the ongoing situation in Jerusalem, the West Bank and Gaza. I expressed condolences for the loss of life. I emphasized the need to end rocket attacks and deescalate tensions.

— Secretary Antony Blinken (@SecBlinken) May 13, 2021

 

Nessuna dichiarazione congiunta dall'Onu

Il Consiglio di Sicurezza dell'ONU ha tenuto un'altra riunione d'emergenza sul peggioramento delle ostilità tra Israele e Palestinesi, di nuovo senza concordare una dichiarazione congiunta a causa dell'opposizione degli Stati Uniti, alleato chiave di Israele, hanno detto i diplomatici.

Secondo diverse fonti, 14 dei 15 membri del Consiglio erano a favore dell'adozione di una dichiarazione congiunta volta a ridurre la tensione. Tuttavia, gli Stati Uniti hanno visto la riunione del Consiglio di sicurezza come una sufficiente dimostrazione di preoccupazione, hanno detto i diplomatici all'AFP a condizione di anonimato, e non pensano che una dichiarazione "aiuterebbe a de-escalation" della situazione.

"Gli Stati Uniti sono stati attivamente impegnati nella diplomazia dietro le quinte con tutte le parti, e in tutta la regione, per cercare di ridurre la situazione. In questa fase, una dichiarazione del Consiglio sarebbe controproducente", ha detto una fonte che ha familiarità con le discussioni, parlando anche in modo anonimo.

Una nuova riunione - questa volta pubblica - potrebbe comunque tenersi entro pochi giorni."I palestinesi hanno chiesto un incontro pubblico", ha detto un diplomatico all'AFP a condizione di essere anonimo.L'obiettivo sarebbe "cercare di contribuire alla pace... e avere un Consiglio di sicurezza in grado di esprimersi e chiedere il cessate il fuoco", ha detto un altro diplomatico, sempre a condizione di anonimato.

Un tale incontro potrebbe essere organizzato già venerdì dalla Cina, che attualmente presiede il Consiglio di Sicurezza. A Washington, il capo diplomatico Antony Blinken ha annunciato che un inviato americano si recherà in Medio Oriente per cercare di calmare le tensioni tra Israele e i palestinesi.

Ma in un segno di frustrazione dopo la mossa degli Stati Uniti di bloccare una dichiarazione del Consiglio di Sicurezza, quattro membri del Consiglio dall'Europa - Norvegia, Estonia, Francia e Irlanda - hanno rilasciato una propria dichiarazione congiunta. "Condanniamo il lancio di razzi da Gaza contro le popolazioni civili in Israele da parte di Hamas e di altri gruppi militanti, che è totalmente inaccettabile e deve cessare immediatamente", si legge nella dichiarazione.

"Il gran numero di vittime civili, compresi i bambini, degli attacchi aerei israeliani a Gaza, e di vittime israeliane dei razzi lanciati da Gaza, è preoccupante e inaccettabile". Per poi aggiungere: "Chiediamo a Israele di cessare le attività di insediamento, le demolizioni e gli sgomberi, anche a Gerusalemme Est

La lettera dell'ambasciatore palestinese 

L'ambasciatore palestinese all'ONU Riyad Mansour ha pubblicato una lettera ai vertici dell'organizzazione mercoledì in cui li ha supplicati di "agire con immediatezza per chiedere che Israele cessi i suoi attacchi contro la popolazione civile palestinese, anche nella striscia di Gaza".

Ha anche chiesto loro di esigere che Israele "cessi tutte le altre azioni e misure illegali israeliane nei Territori Palestinesi Occupati, compresa Gerusalemme Est, compreso l'arresto dei piani per lo spostamento forzato e la pulizia etnica dei palestinesi dalla città".

Alla domanda sull'incapacità del Consiglio, l'organo incaricato della pace nel mondo, di esprimersi sugli scontri israelo-palestinesi, il portavoce dell'ONU Stephane Dujarric ha espresso la speranza di una svolta presto.

Dichiarando che c'è il desiderio che i membri del Consiglio trovino "la capacità di rilasciare una dichiarazione", ha aggiunto che "qualsiasi situazione internazionale beneficerà sempre di una voce forte e unificata del Consiglio di Sicurezza".

L'inviato delle Nazioni Unite per il Medio Oriente Tor Wennesland aveva avvertito la riunione di mercoledì che "la situazione si è deteriorata da lunedì... c'è il rischio di una spirale di violenza", secondo una fonte diplomatica.

Durante una prima riunione di emergenza lunedì, gli Stati Uniti hanno anche rifiutato di appoggiare un testo proposto da Tunisia, Norvegia e Cina che invitava tutte le parti ad astenersi dalle provocazioni. I rinnovati lanci di razzi e i disordini nelle città miste ebraico-arabe hanno alimentato i crescenti timori che la violenza mortale tra Israele e i palestinesi possa degenerare in una guerra su larga scala.

 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli