La Juve può cedere Weston McKennie: il club bianconero però pone dei paletti

·1 minuto per la lettura

Weston McKennie può clamorosamente dire addio alla Juventus dopo una sola stagione. Il centrocampista classe '98, riscattato dallo Schalke 04 per 18,5 milioni di euro (più altri 6,5 milioni massimo di oneri accessori) ma è già in vendita.

Stando a quanto riferito da calciomercato.com, il centrocampista texano, dopo una buona prima parte di stagione, è andato in calo, anche a causa di alcuni problemi fisici. La Juve è pronta ad ascoltare offerte importanti per il centrocampista.

Weston McKennie | Alessandro Sabattini/Getty Images
Weston McKennie | Alessandro Sabattini/Getty Images

Un vero e proprio asset che ha estimatori soprattutto in Premier League, la Juve lo sa e per questo non pone il veto a una sua partenza dopo una sola stagione a Torino, tuttavia ci sono delle condizioni chiare da esaudire per rendere possibile questo scenario. Se dovessero arrivare delle offerte da almeno 30 milioni, entro il prossimo 30 giugno (giorno di chiusura del bilancio), allora anche McKennie potrebbe fare le valigie e lasciare la Juve. Il discorso cambia radicalmente invece per eventuali offerte che dovessero arrivare dopo il 30 giugno e quindi portare a una cessione i cui effetti andrebbero a impattare sul bilancio che si chiuderà al 30 giugno 2022. In quel caso la Juve potrebbe anche rifiutare le proposte per l'americano.

Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità di Serie A.