La Lazio è pronta, l'Inter richiama tutti. E la Juve aspetta ancora

Nicola Balice

La Lazio guida il gruppo di chi non vuole perdere tempo, fosse stato per Claudio Lotito l'attività sarebbe già ripresa in stile Bundesliga. L'Inter non vuole farsi trovare impreparata, già richiamati alla base tutti i giocatori partiti per l'estero una volta ultimata la fase di isolamento post-contagio di Daniele Rugani, entro lunedì 13 aprile tutti devono essere in Italia per poter eventualmente lavorare con il gruppo al completo dal 27 aprile. E la Juve? È ancora ferma, almeno ufficialmente. La società bianconera sta optando per una strategia attendista, per quanto appare difficile che sia realmente così per ora non ci sono date nemmeno indicative per l'adunata.

LA SITUAZIONE – I contatti sono continui, tutti i giocatori sono ovviamente stati preallertati. Ma fino a quando non ci saranno certezze sulle date del ritorno in campo, i calciatori volati all'estero possono restare a casa. Solo nella serata di ieri è poi arrivata la certezza da parte della Fifa che in un modo o nell'altro la stagione dovrà essere portata a termine, quindi nelle prossime ore qualcosa potrebbe cambiare anche formalmente nella riorganizzazione del lavoro in casa Juve, dove regnava la massima prudenza: perché costringere ad altri viaggi in questa fase di emergenza i giocatori se non strettamente necessario? In estrema sintesi era questo il ragionamento. Che è destinato comunque a cambiare ora, per quanto un giorno per il raduno non ci sia ancora. Attendismo che rischia di trasformarsi in ritardo rispetto alle dirette inseguitrici, anche se in realtà non sembra esserci grossa preoccupazione: il lavoro prosegue anche a distanza e a livello individuale, stare a casa non è come lavorare in gruppo alla Continassa ma le condizioni domestiche di quasi tutti i bianconeri sono di primo livello. E pure gli ulteriori 14 giorni di isolamento a cui dovranno sottostare tutti e nove i calciatori una volta rientrati in Italia (da Cristiano Ronaldo a Higuain, da Douglas Costa a Danilo e Alex Sandro, fino a Pjanci, Khedira, Rabiot e Szczensy) sembra preoccupare poco o nulla il club. Che aspetta prima di stabilire (e comunicare) le prossime mosse. La corsa scudetto diventa una gara tra strategie diverse.