La lenta agonia dell'industria della pesca in Irlanda

I pescatori irlandesi sostengono di essere stati "sacrificati" sull'altare dell'accordo commerciale post-Brexit tra Regno Unito e Unione europea. L'accordo di commercio e cooperazione è entrato in vigore nel 2021 e obbliga i pescherecci europei a trasferire progressivamente al Regno Unito parte delle loro quote per alcuni stock ittici nell'Oceano Atlantico e nel Mare del Nord.

Per l'industria della pesca irlandese questo significa una riduzione del 15% delle quote entro il 2025 e una perdita annua prevista di 43 milioni di euro. Queste cifre rendono l'Irlanda uno dei Paesi più danneggiati dall'accordo.

"È un colpo mortale", afferma John Nolan, direttore della cooperativa di pescatori nel villaggio sud-occidentale di Castletownbere. Secondo Nolan il 25%-30% del suo personale sarà licenziato nei prossimi due anni. Soprannominata la "capitale del pesce bianco" d'Irlanda, Castletownbere potrebbe veder smantellate 19 delle sue navi, come parte di un piano approvato nell'estate del 2022 dal governo irlandese in collaborazione con l'Ue.

Secondo Charlie McConalogue, ministro della Marina, il piano contribuirà a "ripristinare l'equilibrio tra la capacità della flotta peschereccia e le quote disponibili, a seguito delle riduzioni delle quote per gli stock derivanti dall'accordo commerciale e di cooperazione Ue-Regno Unito".

Dei 180 pescherecci di pesce bianco del Paese, 64 hanno presentato domanda di disarmo. Lo skipper Daniel Healy è uno dei richiedenti, ma non ha ancora ricevuto l'offerta del governo per la sua barca, che porta il nome dei suoi tre figli. Dopo una vita in mare, Daniel dice a Euronews che il suo settore "non è in un buon momento. È su una china scivolosa e non sappiamo dove si fermerà. Le quote sono state ridotte di anno in anno, con pochissimi aumenti, soprattutto dopo la Brexit".

Questo sentimento trova eco in tutta Castletownbere, dove molti si preoccupano dell'impatto negativo che il programma di smantellamento avrà sulle imprese locali e su questa piccola comunità di meno di 2.000 abitanti.

"Le nostre comunità costiere soffriranno. Ci saranno persone devastate da questa situazione. Generazioni e generazioni di persone che hanno pescato per un centinaio di anni: non ci sarà più nessuno di quelle famiglie a pescare. Saranno costretti a lasciare l'industria che amano. È un crimine", afferma Patrick Murphy, amministratore delegato dell'organizzazione irlandese dei produttori ittici del sud e dell'ovest.

Nonostante le numerose proteste in Irlanda e gli appelli a livello europeo, il destino di Castletownbere e di altri villaggi di pescatori irlandesi sembra inestricabilmente legato alla politica della Brexit e alla Politica Comune della Pesca, che assegna le quote di pesca a ogni Stato membro dell'Ue.

Per John Nolan agli irlandesi "l'Ue deve dare una speranza all'Irlanda. Imploro i nostri leader, i nostri politici in Irlanda e in Europa di fare tesoro di questa situazione".