La lettera con cui 700 medici chiedono a Mattarella di salvare la sanità pubblica

Manuela D'Alessandro
·2 minuto per la lettura

AGI - Settecento medici di dodici regioni hanno firmato una lettera promossa dal movimento 'Siamo tutti Ippocrate' in cui chiedono al presidente della Repubblica Sergio Mattarella un "aiuto affinché si riorganizzino, con risorse, capacità e indipendenza, le sanità regionali e soprattutto quella nazionale, scandalosamente sottofinanziata".

Nella missiva, letta dall'AGI, sottolineano in particolare "lo sconcerto alla notizia del mortificante stanziamento di 9 miliardi di euro sui 196 totali del Recovery Plan".

Il movimento, spiegano i promotori, è nato "spontaneamente agli Spedali Civili di Brescia in piena pandemia intorno a un gruppo di medici delusi dalle mancate risposte delle istituzioni alle richieste del mondo medico che da anni denunciava le carenze del sistema sanitario nazionale e la cattiva gestione di quelli regionali e locali, mancanze che l'emergenza Covid ha solo messo a nudo".

La lettera è accompagnata dalla foto che rappresenta i volti dei medici nei quali "non c'è la sofferenza delle migliaia di medici e operatori sanitari che hanno curato e accudito con passione centinaia di pazienti Covid, ma il dolore per essersi sentiti abbandonati ben prima dell'emergenza e soprattutto la preoccupazione di esserlo ancora di più dopo".

"I medici - si legge ancora - possono perdonare gli errori che la politica sanitaria ha commesso finora, ma ora si aspettano una netta inversione di rotta rispetto alla cattiva gestione della sanità negli ultimi decenni (...). Noi medici non ce la facciamo più. È triste che ce l'abbia ricordato un invisibile virus quando solo i ciechi negli ultimi anni si ostinavano a ignorare lo smantellamento progressivo del sistema sanitario nazionale".

I camici bianchi, che per attirare l'attenzione sulle loro istanze hanno dato vita nelle settimane scorse a dei flash mob sulla scalinata d'accesso agli Spedali Civili, dicono di avere "bisogno che lo Stato ci aiuti".

"I medici che le stanno scrivendo - è la parte finale del messaggio a Mattarella - non sono guidati da partiti né da sindacati, ma solo dalla deontologia professionale e dall'amore per la vita e la salute degli altri. Ora più che mai siamo tutti bisognosi del Suo aiuto. Siamo tutti Ippocrate. In questo momento anche Lei".

Infine, l'augurio: "Caro Presidente, in occasione del nuovo anno vogliamo augurare a Lei e agli italiani un Buon Sistema Sanitario Nazionale per il 2021 e gli anni a venire. Augurandoci che Lei ci aiuti a renderlo migliore".