La lezione di Giscard alla destra che l’Italia non ha

Cesare Martinetti
·Giornalista
·2 minuto per la lettura
(Photo: JACQUES DEMARTHON via Getty Images)
(Photo: JACQUES DEMARTHON via Getty Images)

Il 27 maggio 1974 i francesi, allora popolo giovane, 50 per cento sotto i trent’anni, videro un quarantenne con “passo felino e occhio da rapace” (scrisse il Figaro) attraversare a piedi Parigi per arrivare all’Eliseo. Valéry Giscard d’Estaing era appena stato eletto presidente, con 400 mila voti di scarto su François Mitterrand (50,8 cento) ed apriva una stagione nuova nella rappresentazione stessa della politica. Dopo i venticinque anni dominati dalla figura di paterna e pedagogica di De Gaulle, la breve parentesi di Pompidou deceduto per malattia prima della fine del mandato, mentre l’onda del 68 ancora muoveva aspettative di ogni genere, Giscard rappresentava un’alternativa di destra al gollismo, tecnocratica, competente, riformista in politica ed economia, ma radicale nell’idea di società. L’inizio di settennato fu “abbagliante”, come scrive oggi Le Point: la semplicità di quell’uomo a piedi nelle vie di Parigi era un taglio netto con la monumentalità del generale e del suo successore Pompidou che alla notizia della morte di De Gaulle aveva pomposamente dichiarato per sempre “vedova” la Francia.

Giscard segnò innanzitutto una rottura con quella retorica, pur dichiarandosene figlio, rivendicando la Resistenza contro il nazismo e, benché giovanissimo, la partecipazione alla liberazione di Parigi nel 1944 (anche se da sinistra ci fu qualche polemica sul suo reale coinvolgimento). Ma era il rappresentante della “société liberale avancée”, di una destra moderna che non aveva bisogno di sdoganare il passato perché la lotta al nazismo era la sua storia, non doveva occhieggiare ai collaborazionisti o ai nostalgici del colonialismo perché a questi ci pensava dal suo ghetto nero Jean-Marie Le Pen. Era - in poche parole - quella destra liberale, laica, radicale, riformista che l’Italia non...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.