La lingerie sexy è tornata di moda

AGI - L'intimo da donna sexy non è andato molto bene durante la fase della pandemia dominata da pantaloni da jogging e pigiama, ma dai red carpet e dalle sfilate di lingerie, l'abbigliamento ultra sensuale sta tornando e ora è molto più visibile.

VIDEO - Victoria’s Secret dice addio ai suoi 'Angeli', ecco chi sfilerà al loro posto

Rihanna ha contribuito a creare l'atmosfera con il suo approccio radicale alla moda per la gravidanza: sfoggiando un babydoll trasparente sopra un perizoma nero alla sfilata Dior a Parigi lo scorso inverno.

O c'era il vestito Mugler quasi invisibile di Megan Fox sopra un perizoma bianco agli MTV Awards dell'anno scorso. A mettere le mutande in mostra ci hanno pensato anche artiste del calibro di Kim Kardashian, Jennifer Lopez e Carrie Bradshaw.

una tendenza che vediamo molto nella cultura pop. Rihanna, Cardi B, Kim Kardashian, hanno colto questi stili in modo molto estroverso e con una vera dimensione femminista", dice Renaud Cambuzat, direttore creativo di Chantelle.

Questa era l'atmosfera dominante nel Salone Internazionale della Lingerie di Parigi che si è concluso lunedì, dove hanno trionfato i tanga e i modelli trasparenti.
Gli esperti affermano che c'è stato un cambiamento, tuttavia, e che questa tendenza enfatizza le donne che indossano lingerie per se stesse piuttosto che cercare di impressionare gli altri.

"Stiamo assistendo al ritorno della trasandata sessualità degli anni 2000, stili che rimandano all'archetipo della donna oggettivata, ma che non hanno più lo stesso significato", dice Benjamin Simmenauer, filosofo e professore all'Istituto francese di moda, "Non si tratta più di ricevere l'ordine di sedurre, ma di riappropriarsi in modo femminista di abiti sessualizzati".

VIDEO - Chiara Ferragni si mostra in lingerie

Il ritorno della lingerie sexy segna una correzione di rotta dopo diversi anni di cambiamenti nel settore, ha detto Cambuzat di Chantelle. "Quattro o cinque anni fa, eravamo in #MeToo e c'era il desiderio di andare verso qualcosa visto come più rispettoso", dice, "La battaglianon è del tutto vinta, ma il campo si è aperto. Ci sono donne e marchi che hanno trovato modi legittimi per reinvestire in stili ultra-sexy".

Il cambiamento è evidente nel modo in cui i grandi marchi hanno abbracciato una maggiore diversità nei loro modelli e nella pubblicità.

Victoria's Secret - che in passato era visto come il simbolo di un ristretto ideale di bellezza - ha abbandonato il suo slogan "The Perfect Body" e il suo esercito di "Angels" a favore di modelli più a figura intera e personalità forti come la calciatrice Megan Rapinoe.

"Non dobbiamo confondere #MeToo e puritanesimo. Una donna può anche desiderare di sedurre per propria convinzione", aggiunge Samar Vignals, del marchio di lingerie francese Aubade, che ha affermato la necessità di "più audacia" nel momento post-pandemia.

L'azienda, precedentemente nota per i suoi primi piani monocromatici su glutei e seni, ora pubblica annunci che mostrano volti, a volte fissati direttamente nell'obiettivo.

Aline Tran, fondatrice della boutique di lingerie erotica Les Rituelles, ha affermato che ci deve essere meno ansia riguardo alla seduzione, e dovrebbe invece essere vista come qualcosa di potenziante.

"Parliamo molto di più dell'accettazione dei nostri corpi" dice, "La seduzione è una grande risorsa femminista. Ci permette di riprendere il controllo sul nostro corpo e, per estensione, sulla nostra mente".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli