La Lonely Planet celebra Napoli. ”È la città più cool del momento”

HuffPost

Dimenticate i bar hipster arredati con pallet e lampadine. “Di notte i napoletani si riversano nelle strade e si ritrovano tra i bar di Piazza Bellini. Sul lato occidentale gli studenti si riuniscono al Caffè Dell’Epoca per i celebri spritz a 2€, dopodiché si dirigono verso i ritmi Afro del Teranga”. Chi cerca cocktail e musica live troverà bar sofisticati sul lato orientale della piazza, come Nea, che di giorno è una galleria d’arte, o il verde Intra Moenia, che è anche una casa editrice. La Lonely Planet celebra Napoli. ”È la città più cool del momento”. 

 

Naples, Italy - July 28, 2015: Narrow street in the center of Naples, with its traditional architecture, cafes and shops. Locals and tourists are walking through.
NAPLES, ITALY - OCTOBER 31, 2015: Main entrance to Naples Cathedral. Is a Roman Catholic church and the seat of the Archbishop of Naples. It is known as the Cattedrale di San Gennaro (St Januarius).

Si legge sul sito della guida:

Con il suo forte spirito identitario, una cultura di strada senza veli e l’architettura dal fascino decadente la grinta di Napoli attrae chi è in cerca di una città ricca di carattere. Nel 20° secolo gli intellettuali d’avanguardia come Hemingway, Pablo Neruda e Andy Warhol erano sedotti da Napoli. Anche oggi giovani artisti e scrittori vengono qui, affascinati dal ritratto della città fatto da Elena Ferrante ne L’amica geniale o nel cult Gomorra, di Roberto Saviano. Seguite il loro esempio, magari per un weekend d’inizio autunno utilizzando la comoda Artecard Napoli 3 giorni, che vi offre sconti nei musei e vi permette di viaggiare illimitatamente sulla rete metropolitana dei trasporti.

NAPLES, ITALY - OCTOBER 31, 2015: Unknown people resting in the Galleria Umberto I at evening. Galleria Umberto is a public shopping gallery. It was built between 1887–1891.

 

 

 

  

Street art sovversiva e gallerie all’avanguardia

 

Annidati tra dichiarazioni d’amore, graffiti e manifesti di protesta, la street art di talenti locali e internazionali decora le facciate della città. Persino il sindaco di Napoli ha dichiarato il suo supporto a questa forma d’arte sulla sua pagina Facebook. Potrete anche notare un Bansky, l’unico in Italia: una madonna grigio azzurra, con una pistola al posto dell’aureola.

Pasolini ammirava la capacità di Napoli di non soccombere al consumismo di massa e la sua pletora di piccole boutique indipendenti che sopravvive ancora oggi. In un anonimo cortile si nasconde sia il...

Continua a leggere su HuffPost