La lotta di Ascensiòn: una vita in cerca del corpo di suo padre, ora sarà seppellita accanto a lui

Marialaura Iazzetti
Ascensiòn Mendieta

“Voglio essere sepolta con lui. Qui a Madrid”. Il desiderio di Ascensión Mendieta, che è morta il 16 settembre all’età di 92 anni, si sta per avverare. Dopo anni di battaglie, nel 2017 è riuscita a recuperare i resti del padre, ucciso durante la dittatura franchista. Ora i loro corpi potranno riposare vicini: l’uno affianco all’altro. 

Il padre di Ascensión Mendieta, Timothy,  è morto quando lei aveva 13 anni. Come tanti altri, è stato ucciso perché credeva in valori e ideali che il dittatore Francisco Franco considerava una minaccia. Timothy era capo del ramo locale di un sindacato e nella Spagna di quegli anni ciò fu sufficiente per giustificare una condanna a morte. È stato sparato contro il muro del cimitero di Guadalajara, a 50 chilometri da casa sua, il 16 novembre 1939. Il suo corpo è stato buttato in una fossa comune. In quel punto, dall’anno della morte di Timothy fino al 1944, sono state eseguite altre 822 esecuzioni. 

Ascensión, secondogenita di altri 7 fratelli, quel 16 novembre non lo ha dimenticato mai. Da quando è diventata maggiorenne, ha trascorso ogni giorno a lottare affinché suo padre avesse una degna sepoltura. “Mia madre è rimasta vedova con sette figli. Non porto rancore, ma tutti quelli uccisi ingiustamente dovrebbero essere seppelliti in modo adeguato”, ha ripetuto più volte. 

Quando nel 1975 la democrazia è stata ripristinata in Spagna, Ascensión e altri parenti hanno chiesto alle autorità spagnole di poter localizzare i resti dei loro familiari per riportarli a casa. Le richieste, però, non sono state ascoltate. La figlia di Timothy non si è data per vinta e all’età di 88 anni è volata in Argentina per dare la sua testimonianza in un’indagine sui crimini commessi da Francisco Franco durante il suo regime. 

Ed è stato proprio il giudice argentino che portava avanti questo processo a ordinare nel 2016 di avviare le ricerche per il corpo di Timothy. Quando nel 2017, è stato ritrovato e...

Continua a leggere su HuffPost