La Luiss accoglie le matricole e scala classifica Financial Times

featured 1647662
featured 1647662

Roma, 13 set. (askanews) – La settimana di benvenuto alle matricole della Luiss non poteva avere un inizio migliore. Per gli studenti dell’Università intitolata a Guido Carli la buona notizia arriva dalla classifica annuale del Financial Times che vede la Libera Università Internazionale degli Studi Sociali tra le prime posizioni al mondo per i progressi di carriera dei suoi laureati, nella classifica dei cento migliori programmi di Management.

La Luiss si conferma dunque nella Top 100 per tutti gli indicatori e scala oltre venti posizioni in un anno, classificandosi al 53° posto (era al 76° nel 2021). A cosa è dovuto il risultato?

“E’ dovuto a un investimento continuo e costante sulla direttrice dell’internalizzazione dei programmi, del corpo docente, degli studenti, e dello staff amministrativo – sottolinea Andrea Prencipe, Rettore della Luiss – e a un affinamento ulteriore nella qualità del nostro prodotto di punta, ovvero il Master in Management. Un percorso che offre quegli skill che permette a studentesse e studenti di progredire nelle loro carriere professionali anche di fronte a sfide discontinue, importanti e particolarmente incerte”.

Risultati che hanno contribuito nel 2022 all’incremento a doppia cifra delle domande di ammissione: +18% per i corsi di laurea Triennali e Magistrali a Ciclo Unico e +24% per le domande provenienti dall’estero. Anche quest’anno la Luiss dedica alle oltre 3.000 matricole dei suoi corsi di laurea, la Freshers’ weeks, due settimane per conoscere le opportunità di studio, il modello di apprendimento, le attività curriculari e non, ma anche il ruolo dello sport all’interno dell’Ateneo, per vivere a 360 gradi l’esperienza in quella che presto diventerà la loro “seconda casa”.

Vincenzo Boccia, Presidente della Luiss: “Voi studierete in Luiss, respirerete l’aria di questa Università aperta e inclusiva, imparere a rispettare le idee diverse degli altri, imparerete ad aprirvi e a fare del dubbio un elemento di certezza”.

Ad aprire la giornata di avvio delle lezioni, anche la fashion designer italo-haitiana Stella Jean e la fondatrice e Ceo dell’azienda biotech U-Earth Betta Maggio, due imprenditrici che, con grande passione e impegno, hanno raggiunto importanti traguardi a livello internazionale.