La lunga coda del caso Epstein: il principe Andrea denunciato per abusi sessuali

·2 minuto per la lettura

AGI - Al principe Andrea è stata recentemente notificata nella sua casa vicino a Londra di una denuncia presentata a New York dalla donna americana che lo accusa di aver abusato sessualmente di lei quando era minorenne con l'aiuto del finanziere Jeffrey Epstein morto suicida in carcere.

Secondo i documenti del tribunale americano, la denuncia gli è stata consegnata il 27 agosto, in sua assenza, nella residenza reale di Windsor dove vive il secondo figlio della regina Elisabetta. Secondo altri documenti visti da AFP, una prima udienza procedurale, alla quale il principe Andrea non è tenuto a partecipare, è prevista per lunedì in questo caso imbarazzante per la famiglia reale britannica.

I servizi del principe Andrea, ritenuto il "figlio preferito" di Elisabetta II, non hanno voluto commentare.

Virginia Giuffrè, che aveva già accusato pubblicamente il duca di York, ha presentato una denuncia il 9 agosto alla corte federale di Manhattan. Secondo questa denuncia, il duca di York è "uno degli uomini potenti" a cui è stata "consegnata per scopi sessuali" quando era vittima tra il 2000 e il 2002, dall'età di 16 anni, del vasto traffico di sesso per il quale il finanziere Jeffrey Epstein è stato accusato e incarcerato, prima di togliersi la vita nella prigione di Manhattan nell'estate del 2019.

Il principe Andrea, che aveva già negato le accuse, avrebbe "aggredito sessualmente" la signora Giuffrè, allora minorenne, in tre occasioni: a Londra a casa di uno degli amici intimi di Epstein, Ghislaine Maxwell, e nelle proprietà dell'uomo d'affari a New York e alle Isole Vergini.

Il principe Andrea, 61 anni, aveva già negato "categoricamente" tali accuse in un'intervista alla BBC nel novembre 2019. In particolare, ha espresso dubbi sull'autenticità di una fotografia molto pubblicizzata che lo ritrae con Virginia Giuffrè e, sullo sfondo, Ghislaine Maxwell, che rimane incarcerata e il cui processo dovrebbe iniziare il 29 novembre a New York. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli