La maestra negazionista di Treviso, allontanata dall'istituto, non aveva il diploma per insegnare

Linda Varlese
·Editor, HuffPost Italy
·1 minuto per la lettura
La maestra negazionista di Treviso, allontanata dall'istituto, non aveva il diploma per insegnare

La supplente negazionista non era semplicemente una no-vax e no-mask (diceva ai bambini di non mettere la mascherina e non la usava durante le lezioni). Secondo quanto riporta il Corriere:

Non era nemmeno una maestra. Sabrina P. infatti, per entrare nelle liste per le supplenze annuali della scuola in Veneto, aveva mentito sul suo titolo di studio: è necessario un diploma di scuola magistrale ma lei ha frequentato un istituto tecnico. È l’ultimo elemento che emerge dalla vicenda esplosa a Treviso a metà dicembre, conclusasi pochi giorni fa con l’allontanamento della donna dalla scuola elementare Giovanni XXIII e, a questo punto, dall’insegnamento in generale.

Si legge ancora su Corriere:

Sabrina P. era stata inserita nella scuola trevigiana con un contratto sperimentale anti-Covid, per supportare il corpo docente in caso di assenze prolungate. Nelle due classi a cui era stata assegnata, però, aveva evidenziato comportamenti contrari alle regole adottate da tutti gli istituti. Dopo la protesta dei genitori era stata sospesa. Per circa un mese il procedimento disciplinare ha approfondito gli aspetti del caso, arrivando la scorsa settimana alla conclusione anticipata del contratto.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.