La maggior parte provengono Xinjiang, la regione dove vive la minoranza musulmana uigira

·1 minuto per la lettura
coronavirus cina salgono casi
coronavirus cina salgono casi

La Cina teme la seconda ondata di coronavirus e, per il secondo giorno consecutivo, salgono ancora i casi di pazienti positivi al covid-19. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 68 nuovi casi, 7 in più rispetto a ieri (27 luglio), il numero più alto dallo scorso 6 marzo, quando i casi erano stati 75. Secondo quanto riferito dal ministero della Sanità di Pechino, 64 dei 68 nuovi casi sono di trasmissione locale e quattro sono importati.

Coronavirus, salgono i casi in Cina

La maggior parte dei nuovi casi di coronavirus sono stati rilevati nello Xinjiang, la regione dove vive la minoranza musulmana uigira. Nello specifico, fra i 64 casi di trasmissione locale ben 57 sono stati rilevati nello Xinjiang, motivo per cui le autorità hanno deciso la chiusura della capitale Urumqi. È proprio Xinjiang la regione che preoccupa maggiormente le autorità cinese, visto l’insorgere di un ampio focolaio nei giorni scorsi.

Gli altri casi sono stati registrati a Liaoning (sei) e uno a Pechino, mentre fra i casi importati due sono stati rilevati a Shanghai, uno delle capitale e un e Yunnan. In totale in Cina dall’inizio della pandemia sono stati registrati 83.959 casi di coronavirus. La situazione del covid-19 in Cina riflette purtroppo un trend in crescita che si sta registrando in diversi paesi asiatici, dove preoccupa soprattutto l’India che viaggia ad una media di nuovi positivi giornalieri altissima.