La “malattia di Lindi” presenterebbe sintomatologia nota ma origine per ora del tutto sconosciuta

Virus misterioso individuato in Tanzania
Virus misterioso individuato in Tanzania

Inquietudine in Tanzania, dove ci sono 3 morti per un virus misterioso e dove i deceduti sono risultati negativi a Covid, Ebola e Marburg. Stando a quanto riferiscono i lanci media infatti la “malattia di Lamia” presenterebbe sintomi precisi ma origine per ora del tutto sconosciuta. Non è neanche ancora chiaro se si tratto di una patologia innescata da un virus o da un batterio a dire il vero, quello che si sa è che è un patogeno. La zona colpita è quella nel sud est del paese, nella regione di Lindi. E proprio in quel settore il governo del Paese africano retto dalla presidentessa Samia Suluhu Hassan, ha inviato una spedizione composta da un team di medici ed esperti sanitari.

Tanzania, 3 morti per un virus misterioso

Fino alla giornata di mercoledì 13 luglio erano stati segnalati 13 casi incluse le persone decedute, casi quasi interamente individuati nell’areale del villaggio di Mbekenyera, nel Consiglio distrettuale di Ruangwa. I primi ricoveri c’erano stati fra il 5 ed il 7 luglio, con pazienti che accusavano sintomi virali abbastanza standard: febbre, mal di testa, affaticamento e sanguinamento dal naso. Per individuare la causa si era proceduto con gli esami ma lì c’era stata la sorpresa amara: deceduti e positivi non avevano palesato alcuna traccia di Covid, Marburg o Ebola.

Il ministro: “Stiamo ancora indagando”

Il responsabile della sanità nazionale Aifello Sichalwe ha detto: “Il governo ha formato un team di professionisti che stanno ancora indagando su questa malattia sconosciuta”. E secondo la presidentessa Suluhu Hassan quella patologia  potrebbe essere stata causata dalla “crescente interazione” tra esseri umani e animali selvatici.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli