Caccamo, la mamma di Roberta Siragusa: "Pietro sempre da noi. Mi chiedo se ho nutrito l'assassino"

Adalgisa Marrocco
·Contributor HuffPost Italia
·1 minuto per la lettura
- (Photo: facebook)
- (Photo: facebook)

“Pietro stava sempre con noi. Da un anno e mezzo, uno di famiglia”. A parlare è la signora Iana, la madre di Roberta Siragusa, la 17enne ritrovata senza vita in un burrone delle campagne di Caccamo (Palermo). A essere accusato del delitto è proprio Pietro Morreale, 19enne fidanzato della ragazza.

Le parole della mamma della ragazza vengono riportate dal Corriere della Sera.

“Stava sempre con noi Pietro. Da un anno e mezzo, uno di famiglia. Spesso qui a tavola. Lo conoscevamo bene. E in paese ci conosciamo tutti, come ripeto all’avvocato, anche lui di Caccamo, chiedendogli se davvero abbiamo nutrito l’assassino della nostra bambina...” [...] Tra loro “liti fisiologiche, cose compatibili per due ragazzi che dopo un quarto d’ora fanno pace e passa tutto. Chi avrebbe mai potuto pensare...”

Il Corriere riporta anche le dichiarazioni di Antonella, madre del giovane Pietro, accusato di aver ucciso la fidanzata.

“Si sono fermate anche le nostre vite. Come mamma vorrei abbracciare Iana che conosco bene. Lo so che è difficile. Ma, se potessi, vorrei confortarla e prendermi tutto il suo dolore. Abbiamo il cuore spaccato. Cos’è successo a questi due ragazzi che stavano sempre insieme?”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.